Costume & Società

La Mongolia di Gengis Khan

Un grande popolo scaturito dal mistero

Questo articolo è stato visualizzato 1.358 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

La Mongolia di Gengis Khan
Francesco Tiberio

Una lontana terra d’oriente abitata da nomadi ed abili guerrieri cha a cavallo conquistarono il mondo sino alle porte dell’occidente, così raccontava Marco Polo ne “Il Milione” visitando la corte dell’Orda d’Oro. Nelle steppe della Manciuria e della Mongolia, dal Mar Baltico all’Oceano Pacifico, le tribù nomadi asiatiche, il cosiddetto “popolo dei cinque animali“, sotto l’illuminante guida di sovrani come Gengis Khan e suo nipote Qubilai Khan diedero vita, già nel XIII secolo, ad un esteso impero quasi senza più orizzonti.

Popolo dei cinque animali“: il cavallo, il cammello, lo yak, la pecora e la capra. Così si definivano i mongoli in una lettera di presentazione dipinta su pelle animale che i primi emissari portavano addosso, a mo’ di prime credenziali diplomatiche, unitamente ad un disco di metallo inciso che decorava il collo. Un popolo guerriero eppur pacifico; insediato nei frutti della terra eppur nell’azzurro cielo, indomito, come il destriero che venerava e mistico, come nella religione dei propri padri. Un popolo scaturito dal mistero, all’improvviso, dal vento del deserto. Da qui principia la potenza dei primi “Khan”: capi di un gigantesco dominio che era riuscito a farsi riconoscere quale somma autorità spirituale dai vertici taoisti, buddhisti, islamici ed anche cristiani-nestoriani.

…Io vengo dal Barbaro Nord. Indosso le stesse vesti e mangio lo stesso cibo dei pastori di vacche e dei mandriani di cavalli. Facciamo gli stessi sacrifici e ci dividiamo le ricchezze. Guardo alla Nazione come a un nuovo figlio appena nato e mi curo dei miei soldati come se fossero i miei fratelli…“. Questo era Gengis Khan, il grande condottiero di un impero di 26 milioni di km quadrati, che governò circondandosi di uomini dotti e saggi, sviluppando l’arte e il commercio, la tolleranza religiosa. Nato tra le selvagge montagne “il giorno chiaro del primo mese dell’estate dell’anno del cavallo d’acqua del terzo ciclo”.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016
Pasqua

L’Uovo di Pasqua

Francesco Tiberio10 aprile 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it