Cronaca

La Rivoluzione egiziana

La Rivoluzione egiziana

di Andrea Abate

In Egitto la guerra civile è praticamente cominciata. I ribelli nonostante le grandissime perdite non si ritirano e proseguono nell’intento di disfarsi del regime del rais Mubārak. Mubārak è a capo dell’Egitto dal 6 ottobre 1981, dopo l’assassinio di al-Sādāt.
Mubārak era un ufficiale militare e si distinse nella guerra dello Yom Kippur (la più solenne festa ebraica) del 6 ottobre 1973 (la rivalsa egiziana contro Israele dopo la sconfitta del 1967).

Mubarak

Dopo l’assassinio di al-Sādāt fu decretato lo Stato d’emergenza, che ha comportato arresti preventivi e controllo diretto dei media. Da allora, dal 1981, quello Stato d’emergenza non è stato ancora sciolto. Sono passati 30 anni da allora. A ciò si sono aggiunti corruzione e crisi economica. L’Egitto è in una posizione geografica molto importante, basti pensare al canale di Suez, una importante “via del petrolio”. Per ora la questione petrolifera è ancora sotto controllo, forse anche per questo l’ONU continua ad esitare. Secondo l’ Indice che valuta l’attenzione garantita ai Diritti Umani, l’Egitto occupa il 119º posto su 177 nazioni e viene valutato con un indice di 0,659 su 1. L’organizzazione Transparency International (TI), che si occupa di valutare tra l’altro l’indice di corruzione politica di un Paese, colloca l’Egitto al 70º posto su 159 nazioni.

Proteste al Cairo

Mubarak non intende presentare le proprie dimissioni perchè (a suo dire) ciò porterebbe il Paese a sempre più profondi livelli di crisi e di caos.
Frattanto il personale delle Nazioni Unite, comprendente decine di funzionari, lascia il paese per l’ulteriore inacerbarsi del clima, e si intensifica la caccia (a morte) dei giornalisti stranieri. Tutti i regimi alla fine della loro storia sfociano in un mare di sangue. L’Egitto dopo la crisi di Suez (1956), la Guerra dei sei giorni (1967), la guerra del Kippur (1973), è di nuovo al centro del mondo. Il regime è come un serpente, si infila sempre dove meno te lo aspetti…

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it