Arte, cultura e spettacolo

Salviamo il tesoro archeologico di Castellaneta

Salviamo il tesoro archeologico di Castellaneta

di Giovanni Gentilesco
Continua a crescere il numero dei sostenitori del gruppo facebook “Salviamo il tesoro archeologico di Castellaneta“; gruppo che da giorni cerca di sensibilizzare, anche mediante l’organizzazione di manifestazioni ed eventi, la pubblica amministrazione evidenziando il ritrovamento archeologico, di portata di non poco conto, avvenuto di recente durante i lavori di scavo per l’interramento di un gasdotto. Molti di questi cittadini in prevalenza dell’area Jonica, da tempo manifestano il dissenso per l’apparente disinteresse mostrato da parte degli organi istituzionali, volti alla conservazione di questo patrimonio storico e culturale, temendo che la possibile presenza di oggetti asportabili nella zona interessata possa costituire un’invitante occasione per tombaroli in cerca di aree poco, o non adeguatamente, sorvegliate.

Galleria fotografica (clicca sulle foto per ingrandirle)

      

Photos by: Giovanni Gentilesco

Ad ogni modo, il gruppo si prefigge tra gli obbiettivi, quello di continuare a sensibilizzare la collettività sulla necessità di tutelare il ritrovamento di: un numero ancora non definito di lastre di pietre tombali (da cui si evince l’esistenza di una necropoli), capitelli di colonne, resti di mura di edifici, pozzi e buche per anfore e più di una strada a due corsie, una di lastricato più piano, su cui far transitare cavalli e carri, l’altra di chianche semilavorate, su cui di certo transitavano uomini e forse anche le legioni romane. Qualcuno dice che molto altro deve ancora venire fuori dalla terra e rivedere luce dopo chissà quante centinaia di anni! In altre parole si potrebbe trattare della scoperta di una piccola Paestum, chissà se anche qui continuando a scavare verrà fuori un piccolo templio di Hera; noi pugliesi, tutti, ce lo auguriamo di cuore ma ancor di più auspichiamo un tempestivo intervento delle autorità affinchè possano predisporre un piano definitivo di recupero dell’area archeologica, prima che le ruspe di una qualsiasi società possano procedere arbitrariamente a decisioni di interramento di qualsiasi genere di conduttura.[five-star-rating]

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it