Cronaca

La crisi semplice semplice

Questo articolo è stato visualizzato 3.395 volte. Leggi altri articoli di: manu.

La crisi semplice semplice

Il debito pubblico è il doppio del PIL. La UE vuole, forse, non si sa, comprare i BOT italiani. L’IVA passa dal 20 al 21%.
Il TASSO di crescita è fermo, la UE ha fermato anche i TASSI di interesse.
Servono tagli alla SPESA CORRENTE ed alla SPESA FISSA. EURIBOR.

Fiumi di inchiostro e ore di trasmissioni televisive, da mesi, nel tentativo di spiegare la crisi, parlano di sigle e nomignoli ricorrendo ad esperti di tutti i tipi e proponendo dialoghi politici tanto inconcludenti quanto imbarazzanti (per loro, s’intende).
Era decisamente meglio BIM BUM BAM, almeno sapevamo che si trattava di cartoni animati.

Cos’è la crisi e perché c’è crisi?

Per comprendere, non servono professoroni di nessun tipo, è sufficiente rivolgersi alle persone che vivono la quotidianità, che vivono l’economia reale.

Così, ho fatto queste due domande.

***

L’IMPRENDITORE

Cos’è la crisi?

E’ che non si vende e non si lavora.

Che se anche hai un po’ di lavoro i fornitori vogliono essere pagati tutto in anticipano ma noi non ce la facciamo ad anticipare tutto. Se tutto va bene, cioè che i clienti ti pagano subito, devi ridimensionare moltissimo la giostra e, forse, porti a casa pane e acqua e sopravvivi ma nulla di più.

Perché la crisi?

Io non ho studiato, però se il lavoro non c’è non ci sono soldi, quindi, non si spende e tutto si sfascia.

IL PICCOLO SALUMIERE

Cos’è la crisi?

La crisi è che prima vendevo di tutto un po’, anche qualcosa che costava un po’ di più come delle bottiglie di vino, spumante, della pasta trafilata in bronzo, delle confetture artigianali…..ora vendo solo l’indispensabile e non ritiro più null’altro.

Perché la crisi?

Il salumiere, paciocco paciocco, sfumato da un buon profumo di mortadella sorride e mi dice: Non ci sono più soldi. Perché? Ride ancora, e affetta formaggio svizzero. La canzone dice: chi non lavora non fa l’amore, qui le uniche che lavorano e che fanno soldi sono le badanti e fanno pure l’amore!! Che potevamo fare anche noi quel lavoro ma siamo sfaticati assai!.

IL DIPENDENTE PUBBLICO

Cos’è la crisi?

Lo stipendio non è più sufficiente per arrivare a fine mese, anche noi dobbiamo fare le finanziarie casalinghe. Il lavoro c’è ma non c’è disponibilità a fare i lavori più umili.

Perché la crisi?

Non lo so. Forse, quando c’era Craxi c’era un po’ per tutti, ora c’è tanto solo per loro.

L’OPERAIO

Cos’è la crisi?

Ti chiamano a lavorare ma non ti pagano e se ti pagano ti pagano poco e dopo tanto tempo. Meglio tirare a campare con piccoli lavoretti a nero.

Perché la crisi?

Io non lo so. Penso al mio lavoro, se io non guadagno non compro nulla e così nessuno lavora e nessuno campa. E’ un gatto che si morde la coda.

IL GIOVANE

Cos’è la crisi?

E’ meglio che non studi. Vale più saper cambiare un tubo che una laurea.

Perché la crisi?

Quando gioco a calcetto, se uno dei miei amici è in difficoltà, io corro ad aiutarlo. In questa nazione, se uno è in difficoltà, l’altro gli da la spinta definitiva. C’è poco senso di squadra, poco spirito di appartenenza. Tutti si lamentano, anche quelli per cui “sacrificio” vorrebbe dire non mangiare caviale tutti i giorni ma una volta a settimana così da consentire a due famiglie di arrivare a fine mese. Se togli a chi ha tanto, quello riesce a vivere comunque. Se togli a chi ha poco, quello non vive più.

Se uno guadagna diecimila euro al mese, anche se ne prendi cinquemila, quello vive comunque. Se togli cento euro al mese a chi ne guadagna mille….quello non vive più.

***

Spiegata così la crisi diventa semplice semplice.

Tante sofisticazioni, tanto parlare, tanti calcoli non servono a capire e ad affrontare, solo a confondere.

Sarà che non vogliono farci capire?

Prima che la trovino loro, la dobbiamo trovare noi la soluzione!

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it