Arte, cultura e spettacolo

La resurrezione del teatro Abeliano

La resurrezione del teatro Abeliano

di Maria Curci
Finalmente uno dei maggiori contenitori culturali della città di Bari, il Teatro Abeliano, è ritornato alla ribalta della cronaca e stavolta non per decretarne il decesso – come sembrava dovesse avvenire, date le attuali e datate vicissitudini – ma piuttosto per sancirne la rinascita.

Il 31 ottobre scorso, non a caso, è stata indetta nella sala giunta di Palazzo di Città una conferenza stampa apposita per inaugurare il nuovo corso e presentare gli appuntamenti in cartellone in vista della stagione 2011/2012 del Gruppo teatrale, alla presenza del direttore artistico Vito Signorile oltreché degli assessori Abbaticchio e Giannini. Come è stato spiegato, la rassegna “Music Poetry”, facente parte della fase iniziale della stagione cartellonistica (novembre 2011- gennaio 2012), avrà come location l’Auditorium del Teatro Vallisa, mentre le restanti manifestazioni e le consuete attività laboratoriali si svolgeranno a partire da febbraio prossimo nella nuova sede del Teatro, in via Padre Kolbe nel quartiere Japigia.

Il nuovo Abeliano (ri)sorge alle spalle della Chiesa della Resurrezione e ciò è stato possibile anche grazie al contributo e all’interessamento di don Enrico D’Abbicco che – venuto a sapere dei vari trascorsi, non sempre scintillanti, del teatro e delle difficoltà economiche del medesimo – ha generosamente offerto uno spazio che egli stesso, con la sua comunità, aveva acquistato in modo tale da creare un luogo d’integrazione socio-culturale che desse un po’ di lustro al quartiere. Così il direttore artistico, Signorile, per ricambiare cotanta generosità ha deciso che tutto l’apparato del vecchio teatro sarà donato alla parrocchia di don D’Abbicco.

Una storia a lieto fine insomma per uno dei storici teatri baresi che in questi anni s’è visto “sballottare” da un locale all’altro – a causa dello sfratto per fine locazione ricevuto per la precedente sede in via della Costituente, oltre che per divergenze col Teatro Pubblico Pugliese – e che, speriamo, possa essere di buon auspicio per i restanti principali teatri locali i quali attualmente, come si sa, non versano in ottime condizioni e permetta alla città di continuare a dar linfa vitale alla cultura (strategie politiche e territoriali permettendo).

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it