Cronaca

Senza l’uguaglianza la Guardia di finanza non serve!

Senza l’uguaglianza la Guardia di finanza non serve!

di Emanuele Bruno
C’avrei scommesso!.

La bolla delle liberalizzazioni s’è sgonfiata nell’eliminazione delle tariffe minime imposte ai professionisti. Chi si aggira in quei meandri professionali sa bene che le tariffe minime, nella pratica, non esistono più da tempo.

Cammini per strada con la macchina, vai al ristorante, vai in vacanza e……..ti ferma l’Agenzia delle Entrate e ti chiede come fai a permetterti quel tenore di vita.

L’ultima, solo in ordine di tempo, è l’uscita di Monti: “quant’è noioso il lavoro fisso!”.

Proprio sbagliata non è l’affermazione. Cambiare sveglia gli entusiasmi, chiedetelo a Silvio!.

Credo però che l’affermazione fatta dal Sig. Monti sia saccente, inadeguata, spropositata rispetto al periodo storico, incosciente rispetto agli effetti che può generare.

Se ne son già dette a bizzeffe: questa non è liberalizzazione!, viviamo in uno stato di polizia!, parla lui che è senatore a vita, perché non fa a cambio con i miei contratti di stage-tirocinio……

Non c’è dubbio!, hanno scassato i cabbasisi!!.

Se io voglio imparare a fare il ciabattino, devo passare interi anni in bottega perché il mestiere mi possa entrare nelle vene.

Se Monti vuol risolvere i problemi deve vivere tra i problemi.

Per capire cosa vuol dire campare con mille euro al mese provasse lui per un anno e poi ne riparliamo, per capire cosa vuol dire iniziare una professione o un impresa partendo da zero, devono provarci loro da soli; per capire cosa vuol dire essere precario, facesse il lavoro che fa alle condizioni retributive di chi come noi lavora da precario……poi vediamo se continua a parlare così.

Non ci vuole molto a capire perché in Italia sfila e si protesta all’urlo “BUFFONI!”, rivolto ai politici.

Non ci vuole molto a capire che la gente s’è scassata i cabbasisi perché davanti ad una sola dignità umana esistono due italie: quella che sguazza nel grasso e quella che arranca, che soffre, che si sente abbandonata.

E nel dire questo mi si riempiono gli occhi di lacrime, sangue e rabbia.

Chi aveva ha, chi ha avrà. Chi non aveva non ha e non avrà futuro.

Monti, aspettiamo tutti quanti che tu metta in pratica l’equità a cui dicevi di ispirarti!.

Senza l’uguaglianza la Guardia di Finanza non serve!.
[five-star-rating]

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it