Cronaca

Al Referendum sull’acqua vince il Si… piu’ o meno!

Al Referendum sull’acqua vince il Si… piu’ o meno!

di Daniele Di Lella
Nella scorsa primavera, lo ricorderete, siamo andati a votare su alcuni referendum. Il si vinse con maggioranze bulgare, uno di questi referendum riguardava il quesito: «Volete voi che sia abrogato il comma 1, dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in materia ambientale”, limitatamente alla seguente parte: “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito” »?

In pratica con questo quesito si chiedeva ai cittadini di esprimersi circa il fatto che il gestore di risorse idriche potesse o meno continuare ad incassare il 7% in bolletta a titolo di remunerazione del capitale investito.
Come è andata a finire in Puglia? …. nulla!. L’acquedotto pugliese continua regolarmente ad incassare i soldi in bolletta nonostante gli esiti referendari. Questa situazione però non è passata inosservata agli occhi del comitato “acqua bene comune“, il comitato pugliese ha condotto all’interno della Campagna di OBBEDIENZA CIVILE “IL MIO VOTO VA RISPETTATO” una giornata di mobilitazione e sensibilizzazione che ha avuto come oggetto principale appunto l’eliminazione della remunerazione del capitale dalla tariffa.

In realtà la giornata del 22 è l’atto finale, la data non è casuale considerando che proprio il 22 marzo è stata la giornata mondiale dell’acqua istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite. Come si è agito? In pratica comitato e associazioni hanno istituito banchetti sparsi per tutta la città secondo un calendario prefissato dove ai cittadini era chiesto di firmare una lettera di reclamo circa le somme indebitamente incassate da luglio ad oggi dall’acquedotto, e una diffida allo stesso perchè per il futuro elimini la quota in bolletta della remunerazione di capitale anche a fronte di eventuali azioni legali, il tutto da inviare all’acquedotto.
Accanto alle associazioni e al comitato pugliese “acqua bene comune” anche i Comuni di Altamura, Villa Castello, Cisternino, Bari.
Come finirà è presto per dirlo, di certo c’è che il referendum parla chiaro.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Laureato in Scienze Politiche settore politico internazionale conduttore radiofonico daniele0779@tiscali.it

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it