Arte, cultura e spettacolo

Il feedback delle start up

Il feedback delle start up
Redazione

di Redazione
I giovani imprenditori che in fiera hanno occupato con le loro idee innovative il nuovo salone delle Start up e imprese creative credevano in questa operazione, ma sono piacevolmente sorpresi dal notevole interesse che ha suscitato anche nei non addetti ai lavori. Qiris (qualità innovazione ricerca istruzione sicurezza) è un’associazione che promuove la ricerca dell’innovazione sul territorio.

Palma Nicolardi, responsabile dell’area sviluppo business, ha raccontato che sono stati loro a proporre al direttore della Fiera del Levante, Leonardo Volpicella, questo spazio. «Nello stesso contenitore abbiamo cercato di portare una serie di attività innovative. Successivamente abbiamo stretto una collaborazione con The Hub e, pur avendo a disposizione un nostro padiglione, abbiamo concordato insieme a loro di portare le nostre attività in questo luogo fisico, che verrà ufficialmente aperto il prossimo 1 ottobre».

The Hub è un luogo di co-working, significa che imprese e giovani professionisti possono fittare questi spazi e utilizzarli sia in maniera permanente sia temporanea per incontrarsi, organizzare convegni, avviare le loro attività. Qiris si è occupata di gestire via internet le candidature di coloro che hanno riempito tale sito. Hanno risposto in 180, ne hanno scartati pochissimi e ogni giorno hanno ruotato in 40. Riescono a fare networking tra di loro. Realtà affini hanno potuto incontrarsi e pensare a degli sviluppi in termini di business che potessero essere condivisi.

«Il feedback è positivo non solo da parte di chi è presente in questo padiglione. Imprenditori che hanno la loro attività avviata – ha continuato la Nicolardi – hanno potuto sviluppare nuove idee avvalendosi delle competenze di innovazione di questi giovani start up. Per esempio, alcuni di loro hanno proposto, ad una società che si occupa di sviluppo, la progettazione di un’applicazione per I-phone per promuovere il proprio prodotto; l’ente che si occupa delle certificazioni di olio e vino pugliese ha affidato ad altri ragazzi il compito di sviluppare un sistema per identificare la bottiglia “made in Puglia”.

È stata utile anche la visita di figure istituzionali rappresentative di vari ambiti. Grazie a questo contesto, l’assessore alla protezione civile ha appreso che esistono nuovi metodi per monitorare il territorio, l’assessore al welfare ha incontrato quei giovani che mettono in rete la loro professionalità lavorando per il sociale. Questo nuovo modo di fare business è necessario in un periodo di crisi. Il percorso iniziato è dunque positivo, ma bisogna andare oltre, continuando ad investire su questo fronte».

Francesco Antonacci, uno dei cinque co-founder di The Hub Bari, è entusiasta e ammette che, anche se già esistente, l’evento fieristico ha avuto per loro un “effetto megafono”. «Ci ha aiutato a far arrivare il messaggio di The Hub a quei target che non avremmo mai raggiunto. Il risultato è estremamente positivo, la community è cresciuta, arrivando a più di duemila persone, e abbiamo già firmato le prime membership di settori variegati, da architetti a designer, da informatici a ingegneri e consulenti del lavoro».

Nicholas Caporusso di Qiris rafforza le percezioni avute dai suoi colleghi. «Come prima volta, l’esperienza all’interno del salone delle start up e imprese creative è stato un grande successo. Le persone si fermano incuriosite e chiedono informazioni. Anche gente comune all’esterno ci ha detto che la fiera è rappresentata da questo salone e dalla ventata di innovatività che ha portato. L’altro giorno ci è stato un evento di clothing swap che ha raccolto oltre 500 persone, è stata organizzata una cena al buio che ha fatto quasi il pienone. Sono segnali di un territorio che sta cambiando verso modelli più sostenibili e possibili».

Visualizza Commenti (2)

2 Comments

  1. Franco Nacucchi Presidente Associazione Culturale 3P

    19 settembre 2012 at 20:49

    Anche i Tesori della ceramica di Vito Graziano da Gravina, insieme all’associazione culturale 3P presieduta da Franco Nacucchi, per la mostra dei prodotti agroalimentari e artigianali tipici gravinesi, con MURGIATIME, PATMARC del dr. Francesco Paterno, MAC@NIL, il panificio di Gino Calderoni per i sasanelli, taralli di Gravina, fallone del caseificio dei f.lli Tarantino; Salsiccia della macelleria di Gianni Lionetti; Vino Botromagno, azienda agrituristica S. Angelo di G. Marchetti e Az.4 Carri, fra i giovani imprenditori che in fiera hanno occupato con le loro idee innovative il nuovo salone delle start up e imprese creative,con l’associazione che promuove la ricerca dell’innovazione sul territorio,Complimenti a tutti.

  2. Pingback: “Il feedback delle start up” su Corriere delle Puglie | QIRIS

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it