Cronaca

In numeri del primo censimento italiano dei senza dimora

In numeri del primo censimento italiano dei senza dimora

di Teresa Manuzzi
Qualche settimana fa, a Roma, presso l’aula magna dell’Istat, sono stati resi pubblici i dati del primo censimento italiano degli homeless. Si tratta di uno studio molto importante perchè, per la prima volta, il mondo dell’associazionismo e quello istituzionale, hanno deciso di contare i senza dimora presenti nel nostro Paese. Il “Rapporto 2011” è stato realizzato da: Caritas, ministero del Welfare, Istat e Fio.psd (Federazione italiana organismi persone senza dimora). Il rapporto ha censito che in Italia vivono 47.648 senza dimora, il numero, in percentuale, sarebbe pari allo 0,2% della popolazione nazionale. Più della metà degli homeless sono stranieri (59%). Tutti i dati raccolti non fanno che sbugiardare definitivamente il falso mito del “barbone per scelta” e confermano invece le carenze strutturali di una politica, la nostra, che non è in grado di occuparsi dei più deboli e di fornire sufficienti risposte a problemi come la disoccupazione.

La presenza maschile è pari al l’86% e spicca il dato che delinea il profilo dei due terzi dei senza tetto italiani : uomini con titolo di studio non superiore alla terza media che hanno cominciato a dormire in strada in seguito alla perdita di un’occupazione e, allo stesso tempo, alla separazione dalla moglie (33,7). Gli organismi che hanno effettuato il sondaggio consigliano però di approssimare il numero totale degli homeless censiti  per eccesso per avvicinarsi alla cifra reale, che dovrebbe essere di 51.800 persone .

Quest’ultimo numero si avvicinerebbe maggiormente alla realtà perchè la rilevazione è avvenuta tenendo conto di tutte le persone che hanno usufruito dei servizi a disposizione dei senza dimora, come mense e dormitori, nei 158 comuni italiani in cui è stata condotta l’indagine e durante i mesi di novembre e dicembre 2011. Bisogna quindi tenere presente anche le persone che non si rivolgono mai agli enti di assistenza. Milano è stata tristemente definita più volte la “capitale” italiana dei senza dimora, perché ospita ben 13.115 clochard, subito dopo troviamo Roma con 7.827 senza tetto, Palermo invece è la terza città italiana per presenza dei clochard: 3.829.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it