Costume & Società

La Corte UE ratifica i rimborsi per i ritardi aerei.

La Corte UE ratifica i rimborsi per i ritardi aerei.
Claudio Santovito

di Claudio Santovito
La Corte Europea di Giustizia del Lussemburgo ha stabilito che le compagnie aeree sono obbligate a risarcire i passeggeri di un volo con una o più coincidenze a prescindere se il primo volo ha subìto o meno un ritardo contemplato nei limiti stabiliti dal regolamento UE, cioè di tre ore. La sentenza parla chiaro: “Il fatto che il volo di origine non sia stato ritardato oltre i limiti delle leggi europee non implica l’automatico decadimento del diritto di risarcimento per il passeggero”.
Chris Goater, portavoce dell’International Air Transport Association (IATA), ha sostenuto che la sentenza altro non è che una “missed opportunity”, “un’occasione persa” per raggiungere un equilibrio tra i diritti di risarcimento passeggeri e la capacità offerta dai piccoli vettori nei loro collegamenti europei. In linea con questa dichiarazione l’0pinione di Viktoria Vajnai, portavoce dell’Association of European Airlines, secondo cui “questa è una prova evidente che l’attuale regolamento non è coerente”.

Tale sentenza deriva da una causa intentata ad Air France da una passeggera (Luz-Tereza Folkerts) che aveva acquistato il volo da Brema ad Asunciòn (Paraguay) via Parigi e San Paolo: il primo volo, quello da Brema a Parigi, partì con un ritardo di due ore e trenta minuti (entro il limite delle tre ore) che tuttavia comportò la perdita delle successive coincidenze e l’arrivo a destinazione con ben undici ore di ritardo.
Air France è stata condannata a pagare danni per 600 euro, ma ha intentato un ricorso. La Corte di Giustizia ha sentenziato che tutti i passeggeri cui viene negato l’imbarco o il volo viene cancellato o subisce un ritardo hanno diritto al rimborso, in quanto si concretizza una cospicua perdita di tempo, che presuppone un forte disagio in virtù del possibile danno procurato dall’arrivo a destinazione in ritardo rispetto all’orario schedulato (es: perdita di un appuntamento di lavoro).
I rimborsi previsti vanno calcolati sulla base del ritardo relativo all’ultimo volo prenotato tra quelli in coincidenza (ritardo di tre o più ore nella destinazione finale) e corrisposto sulla base della distanza percorsa (250 per tutte le tratte pari o inferiori a 1.500 chilometri, 400 o 600 euro per i voli più lunghi); in caso di voli la cui distanza è superiore a 3500 km e il ritardo inferiore a 4 ore, si applica un’ulteriore riduzione del 50%. Il rimborso potrebbe anche essere minore se il vettore è in grado di dimostrare che il ritardo prolungato è dovuto a circostanze eccezionali ed inevitabili.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Costume & Società
Claudio Santovito
@clasantovito

Scrittore, giornalista. Specializzato in aviazione civile e trasporto aereo, mi occupo anche di cultura, inchiesta, curiosità dal mondo. Ho pubblicato, nel 2011, il mio primo romanzo "Tempo da dimenticare - Giallo nella notte barese" (Sentieri Meridiani Edizioni). Comunicazione, giornalismo digitale e Twitter le frecce nel mio arco. Ho un blog dedicato all'aviazione, "Notizie dal cielo". Rispondo io, a tutti, sempre. www.claudiosantovito.it - Twitter: @ClaSantovito

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it