Costume & Società

Business e Altruismo: si può fare!

Business e Altruismo: si può fare!
Pasquale Adamo

di Pasquale Adamo
Siamo abituati a pensare che l’unico modo per motivare le risorse sul posto di lavoro siano gli incentivi economici, il raggiungimento di obiettivi di vendita, gli encomi personali e i viaggi premio.

Una ricerca dello psicologo Adam Grant, professore a Wharton (USA) e punto di riferimento per gli esperti di Google, ha dimostrato che, invece, si ottengono risultati strepitosi se l’azienda mette in risalto l’utilità sociale e altruistica del lavoro del proprio dipendente.

La dedizione al proprio lavoro, l’entusiasmo e la passione con cui svolgo i compiti lavorativi che mi sono stati assegnati, hanno un incremento portentoso, se quello che faccio ha risvolti positivi sulla società e su coloro che mi circondano.

Questo assioma non è solo teorico, ma è frutto anche di una serie di esperimenti. Come, per esempio, quello condotto in un call center (realtà molto ben conosciuta anche da noi italiani) dedito alla raccolta fondi per la scolarizzazione minorile. Ai dipendenti del call center è stata presentata la testimonianza diretta di un giovane ragazzo che, grazie a questi aiuti, aveva potuto terminare gli studi.

L’effetto di sensibilizazione e l’idea di lavorare per un fine positivo, generoso e altruistico hanno portato a telefonate più lunghe del 142% e, soprattutto, del 171% in più di donazioni ricevute. Quindi, sapere che il proprio operato può incidere positivamente sulla collettività migliora sensibilimente la qualità del lavoro, che a sua volta determina una crescita del business!

Si può immaginare un’alternativa alla persona di successo totalmente concentrata su se stessa, avida e ingenerosa verso gli altri. Sostituendola con un manager dedito all’ascolto, alla comprensione e a trasformare il proprio lavoro in un’attività utile al prossimo.

In fondo, il “dare” e il “donare” sono potenti strumenti di comunicazione, che facilitano il contatto, il reciproco apprezzamento e il rafforzamento della relazione professionale, con ripercussioni positive anche sulla propria autostima. L’esperimento condotto nel call center porta ad una consapevolezza che può aiutare a una trasformazione e un cambiamento radicale del modo di fare impresa, di gestire le risorse umane e di accrescere il proprio business.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it