Cronaca nazionale

Sparatoria a Palazzo Chigi durante il giuramento del Governo

Questo articolo è stato visualizzato 957 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Sparatoria a Palazzo Chigi durante il giuramento del Governo
Pierfrancesco Caira

Questa mattina intorno alle ore 11.40, proprio mentre era in corso il giuramento del nuovo Governo al Quirinale, un uomo armato ha aperto il fuoco in Piazza Colonna, di fronte a Palazzo Chigi, ferendo due carabinieri e una passante: l’uomo è stato successivamente bloccato mentre tentava la fuga. In seguito ai fatti il questore Rocca ha rafforzato la vigilanza in tutta la capitale, in particolare nelle zone del Senato, di Montecitorio e di Palazzo Chigi. Ricoverato d’urgenza e attualmente in prognosi riservata al Policlinico Umberto I il brigadiere Giuseppe Giangrande (50), colpito alla gola da due pallottole, ha riportato una lesione molto seria alla colonna vertebrale secondo le parole dell’equipe medica a cui è stato affidato; non è in pericolo di vita l’appuntato Francesco Negri (30), ferito ad entrambe le gambe, mentre la passante coinvolta nella sparatoria, una donna incinta che passeggiava con la famiglia, è stata presa di striscio da una scheggia senza gravi conseguenze.

A sparare Luigi Preiti (49), nessun precedente penale, calabrese di Rosarno (RC) ma residente in Piemonte, da poco trasferitosi di nuovo nel paese d’origine in seguito alla separazione dalla moglie Ivana, con la quale ha avuto un figlio che adesso ha 10 anni; l’uomo si trovava da tempo in stato depressivo, ha confessato ai PM inquirenti che avrebbe voluto colpire i politici, che non odia nessuno in particolare ma è disperato, per gli investigatori Preiti è giunto a Roma apposta per compiere un gesto eclatante. Stando alle ricostruzioni l’attentatore, vestito di tutto punto, ha attraversato la piazza recandosi dinanzi ai militari della Brigata Toscana che formavano il cordone di sicurezza e ha da prima gridato “Sparatemi, sparatemi!”, per poi estrarre la propria arma, una pistola con matricola abrasa acquistata nel 2009 al mercato nero, e fare fuoco svuotando l’intero caricatore (6 colpi in tutto), Preiti è stato quindi fermato dalle forze dell’ordine e condotto in ospedale per il trauma cranico subito in seguito alla colluttazione. Intanto si fa a gara un po’ dovunque per strumentalizzare l’accaduto, sono aperte le scommesse su quale sarà l’ultimo dei politici in ordine cronologico ad incolpare i giornalisti che instillano nel popolo il rancore verso la classe dirigente.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca nazionale

city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo

Antonio Catacchio22 giugno 2016
Antitrust

Antitrust e GdF: stop a 174 siti

Pierfrancesco Caira18 marzo 2016

Farmacie Puglia: assegnazioni nuove sedi dal 31 gennaio

Antonio Catacchio29 gennaio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Primo interpello concorso sedi farmaceutiche

Antonio Catacchio13 dicembre 2015

Concorso Straordinario Farmacie Regione Puglia

Mariangela Lomastro19 ottobre 2015

Chiesa e Sinistra: quasi amici

Ricky Violante16 ottobre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it