Politica estera

I rapporti economici della famiglia Bush con la Germania nazista

Questo articolo è stato visualizzato 3.123 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

I rapporti economici della famiglia Bush con la Germania nazista
Pierfrancesco Caira

Prescott Bush era un membro del gruppo bancario che finanziò il partito nazista contribuendo all’ascesa del Terzo Reich. Prescott Sheldon Bush (1895-1972) sposò Dorothy Wear Walker (1901-1992), figlia di George Herbert Walker (1875-1953), nel 1921; in seguito assunse la carica di vice presidente della W. A. Harriman & Co., ove lavoravano sia George Herbert Walker che Knight Woolley e E. Roland Harriman. Bush, Woolley e Harriman erano stati compagni all’Università di Yale e facevano tutti parte, assieme allo stesso George Herbert Walker, della società segreta “Skull and Bones”. Nel 1924 Bush fu amministratore presso la U.S. Rubber Company di New York, anch’essa controllata dalla W. A. Harriman & Co., e qualche anno dopo divenne socio della Brown Brothers Harriman & Co. (BBH), istituto bancario nato dalla fusione fra la W. A. Harriman & Co. e la Brown Bros. & Co., un’altra banca d’investimento.

Successivamente la BBH contribuì alla creazione della Union Banking Corporation (UBC) assieme a Friedrich Thyssen; Prescott Bush faceva parte del Consiglio d’Amministrazione della UBC, C.d.A. che fungeva da copertura per occultare i veri proprietari della banca. La W. A. Harriman & Co. investì oltre 400.000 dollari per dar vita alla UBC così che essa potesse entrare in società con la olandese Bank voor Handel en Scheepvaart, posseduta dal gruppo Thyssen; da quel momento la UBC poteva trasferire fondi fra gli Stati Uniti e le compagnie del gruppo Thyssen in Germania, su tutte la Vereinigte Stahlwerke. Friedrich “Fritz” Thyssen era un imprenditore multimiliardario che operava nel campo dell’acciaio e uno dei primi sostenitori del partito nazista, secondo le fonti ufficiali egli in seguito denunciò le persecuzioni nei confronti di ebrei e cattolici, fuggì in Svizzera ma venne catturato ed imprigionato dai nazisti nel 1938. Thyssen controllava il 75% delle riserve di ferro tedesche e il 50% del mercato del carbone. La BBH controllava anche la Holland-American Trading Corporation, la Seamless Steel Equipment Corporation e la Silesian-American Corporation; dopo la prima guerra mondiale la Germania era enormemente indebitata, dunque, tramite queste compagnie, la BBH trasferì milioni di dollari in oro, acciaio, munizioni, carburante e buoni del tesoro statunitensi al governo tedesco, allora già capeggiato da Hitler, fondi impegati in larga parte per dar vita al Terzo Reich.

Fra il 1931 e il 1933 la UBC investì circa otto milioni nell’acquisto di oro, di cui tre milioni furono traferiti oltreoceano; in base ai documenti presi in visione dal quotidiano britannico The Guardian, subito dopo la nascita della UBC, sui conti della BBH vennero accreditati oltre due milioni e nel periodo che va dal 1924 al 1940, l’ammontare del patrimonio della UBC oscillava sempre intorno ai tre milioni, scendendo ad uno solo in rare occasioni. Nel 1942 il Governo statunitense accusò Prescott Bush e la BBH di aver fatto affari col nemico, secondo quanto stabilito dal “Trading With The Enemy Act”, il gruppo bancario e l’intero patrimonio vennero messi sotto sequestro per tutta la durata della guerra e oltre, fino al 1951, e la UBC fu sciolta. Un anno dopo, nel 1952, Prescott Bush fu eletto Senatore degli Stati Uniti. Prescott Bush è il padre di George Herbert Walker Bush, 41° Presidente USA nonchè direttore della CIA, e il nonno di George Walker Bush, 42° Presidente USA. Sia il figlio che il nipote hanno saputo far tesoro degli insegnamenti di Prescott: la guerra è un ottimo affare!

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica estera

astana-kazakistan

Astana, capitale del Kazakistan, sede d’Ambasciata del Gran Principato di Dobrynia

Francesco Tiberio17 agosto 2018
kosovo

Intervista col vice Ministro Affari Esteri del Kosovo Gjergj Dedaj

Francesco Tiberio31 luglio 2018
Donald Trump

Donald Trump ha toccato le corde degli americani con delle keyword

Daniele D'Amico11 novembre 2016

Emergenza profughi siriani

Valentina Addabbo30 marzo 2016

L’Arabia rompe le relazioni con l’Iran

Daniele D'Amico4 gennaio 2016

Protocollo di Kyoto del 1997: l’ipocrisia di civiltà

Ricky Violante3 dicembre 2015

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
Cina

La Cina si rinnova, “addio alla politica del figlio unico”

Daniele D'Amico12 agosto 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it