Arte, cultura e spettacolo

“Il processo” di Kafka ovvero l’angoscia dell’uomo moderno

“Il processo” di Kafka ovvero l’angoscia dell’uomo moderno

di Teresa Manuzzi
È una mattina apparentemente come tante altre, il signor Josef K. aspetta nel suo letto che la signora Grubach gli porti la colazione. Nella sua camera però appaiono due uomini che sono lì per arrestarlo. Questa è la situazione iniziale nella quale si trova il protagonista del libro “Il processo” di Franz Kafka. Del signor Josef non sapremo mai l’intero cognome, ma quella “K” iniziale, rende lapalissiano l’intento autobiografico dello scrittore. Il cognome del protagonista non è l’unica incognita del romanzo. A dirla tutta non si sapranno mai nemmeno le motivazioni che hanno portato al suo arresto. Nessuno sa perché quell’uomo viene processato, non lo non lo sa il protagonista, non lo sanno ai due uomini che vanno a prelevarlo da casa, non ne sono a conoscenza nemmeno i giudici, che elaboreranno la sentenza di condanna. Josef si ritrova, per forza di cose, incastrato in un “flipper”, in un labirinto inestricabile formato da ambienti simili a quelli di un quadro di Escher, con stanze che si dilatano, sale d’aspetto con temperature soffocanti, soffitti che si fanno sempre più bassi e luci sempre più fioche.

 

 

Il protagonista di questo romanzo è chiamato ad incarnare l’angoscia dell’uomo moderno, impigliato in una realtà che lo incatena e lo contrasta con tutte le sue forze. La modernità è concepita negativamente da Kafka e assume le sembianze di una gigantesca macchina burocratica di cui non è possibile cogliere i limiti. L’uomo moderno, per l’autore, è un uomo schiavo di regole che non solo non capisce ma che addirittura non conosce. Il mondo è descritto come un susseguirsi di stanze anguste e uffici soffocanti, mentre la vita non è altro che uno scorrere ininterrotto di pratiche burocratiche.

Il piccolo borghese, incarnato dal protagonista del “Il processo”, è così assorbito dalla sua scalata sociale che segue ciecamente i traguardi imposti dalla società e dimentica il suo essere uomo, diventa così una vittima innocente di una colpa inesistente. Josef K., nonostante tutto, non si arrenderà ad una sentenza di condanna per un crimine che ignora, ma su suoi sforzi, purtroppo, saranno vani.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it