Cronaca nazionale

Baglioni torna con un album di inediti: “Con voi”

Baglioni torna con un album di inediti: “Con voi”
Claudio Santovito

di Claudio Santovito
“So che avevo chiuso già la porta quando poi mi bussò l’urgenza che ho di voi”. A dieci anni dall’ultimo album in studio (Sono io. L’uomo della storia accanto) e a quattro dalla splendida tetralogia “Q.P.G.A.” che sembrava l’ideale chiusura di uno straordinario percorso artistico fatto di note e parole durato 40 anni – iniziato proprio con Questo piccolo grande amore –, Claudio Baglioni torna con un album di inediti, “Con voi”. In realtà il lancio dei brani è avvenuto negli ultimi mesi, seguendo un progetto svelato nel salotto dell’amico Fazio a “Che tempo che fa” in cui Baglioni ha spiegato la volontà di pubblicare su I-Tunes poco per volta i suoi brani. Questo work in progress è stato determinato dal fatto che “il mondo della musica è stato rivoluzionato, la gente ascolta musica in maniera frammentata, usa le playlist, in cui c’è la frantumazione dell’idea dell’album, mentre quelli come me appartengono all’epopea del disco, motore centrale della nostra attività. Lo sanno tutti, il disco è superato, come concetto e come supporto, vive una crisi molto grave e mi sono detto che era arrivato il momento di ribaltare tutto e provare a presentare la mia musica man mano che la scrivevo e realizzavo”, come ha spiegato a Repubblica.

Ed ecco che questi piccoli frammenti di musica trovano sintesi in un album solido, asciutto e immediato dal titolo “Con voi” che avrebbe dovuto essere presentato in un tour-lampo in soli dieci giorni che è stato rinviato in primavera a causa di un’improvvisa laringofaringite che ha reso afono il Claudio nazionale.
Le canzoni? 12, inframmezzate da piccole intro o intermezzi (chi non ha pensato a Io sono qui?), mostrano un Baglioni profondo, volitivo, niente affatto stanco di sognare e far sognare, ancor meno di cantare. L’apparente argutezza e spigolosità dei testi lascia invece un segno indelebile nell’anima dell’ascoltatore  che, se a un primo ascolto tituba, finisce poi per non poter fare a meno di riascoltare ad libitum.
“I miei amori più grandi sono quelli che ho tenuto peggio, libri sfogliati di fretta finali letti senza bramosia”. Se il passato è fatto di scelte coraggiose e dolorose, di addii e ritorni, il presente costringe Claudio a “trovare un’altra immensità, tornare liberi” (Con voi), con l’anima che diventa “scrigno per la tua bellezza” (In un’altra vita), la vita che è metafora del viaggio, della speranza in un futuro migliore, molto spesso affidato alla vanagloria delle gelide acque di Lampedusa, che imbarca speranze e restituisce sogni infranti e privi di battito, dove “partire è vivere. E un po’ morire” (Isole del Sud). Non manca la romantica reminiscenza della gioventù, vagheggiata nel ricordo di amici persi per strada nella scanzonata E chi c’ammazza (“e son rimasto a correre da solo ma a volte ho l’impressione che uno per uno vi mettete a fianco al volo”), ma ancor più nella splendida Gli anni della gioventù, in cui facendo seguito a un tributo a Lorenzo de’ Medici che suggeriva di godere la vita, la fugacità del tempo prende piede e il ricordo si fa più aspro (“questo tempo ci confonde e ci sbatte su e giù, sono forti come onde gli anni della gioventù”).

Se i ricordi battono sulle tempie con la pressione della nostalgia, è bene provare a guardare oltre “e lanciarsi avanti con un arco d’orizzonte fidarsi di ogni passo che ci unisce come un ponte che il sentiero cresce e va sotto i piedi e un’impresa non ha età né marciapiedi” (In cammino), lasciando una speranza a chi verrà dopo, un soffio di fiato, “corri finché hai sete e fede per andare e vola senza rete che ti sorregge il vento” (Dieci dita), mentre la brevità della vita ci costringe a fare i conti con la fine e a tracciare un bilancio dell’esistenza: se si è stato “un buon soldato in mezzo a una cattiva guerra” (L’ultima cosa che farò) allora si può andare in pace, finendo amando. Un amore unico e totalizzante: “non è spina o rosa ho solo te ma io amo te più di tutto il resto” (Una storia vera).
Sebbene la semantica arzigogolata e le pirotecnie linguistiche di Oltre siano lontane, note e parole si fondono in un connubio che suscita frenesia di sensazioni (“penso a un mare oltre luci d’oltremare”), mentre si fa pressante la tensione e la pulsione verso la donna amata a tratti irraggiungibile (“dove il mondo ha fine ci sei tu che sei la fine del mondo”) perché Va tutto bene e il fulcro di quest’amore sfocia nella bellissima E noi due là: se come diceva Schopenhauer “la vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro: leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare”, allora la regola vale anche per l’amore. “Se lo leggi in fila vivi storie già sentite, sogni invece se apri a caso il libro delle vite”.

Visualizza Commenti (1)

1 Commento

  1. Pingback: Medimex, Claudio Baglioni incanta Bari: “il mondo salvi la musica” | Il Corriere delle Puglie – NEWS

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca nazionale
Claudio Santovito
@clasantovito

Scrittore, giornalista. Specializzato in aviazione civile e trasporto aereo, mi occupo anche di cultura, inchiesta, curiosità dal mondo. Ho pubblicato, nel 2011, il mio primo romanzo "Tempo da dimenticare - Giallo nella notte barese" (Sentieri Meridiani Edizioni). Comunicazione, giornalismo digitale e Twitter le frecce nel mio arco. Ho un blog dedicato all'aviazione, "Notizie dal cielo". Rispondo io, a tutti, sempre. www.claudiosantovito.it - Twitter: @ClaSantovito

Altro in Cronaca nazionale

city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo

Antonio Catacchio22 giugno 2016
Antitrust

Antitrust e GdF: stop a 174 siti

Pierfrancesco Caira18 marzo 2016

Farmacie Puglia: assegnazioni nuove sedi dal 31 gennaio

Antonio Catacchio29 gennaio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Primo interpello concorso sedi farmaceutiche

Antonio Catacchio13 dicembre 2015

Concorso Straordinario Farmacie Regione Puglia

Mariangela Lomastro19 ottobre 2015

Chiesa e Sinistra: quasi amici

Ricky Violante16 ottobre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it