Economia e Diritto

Lavoro: le opportunità del web

Lavoro: le opportunità del web
Pasquale Adamo

di Pasquale Adamo
Il 40% delle Aziende italiane effettua recruiting attraverso il web e un altro 30% si appresta a farlo! Questi i dati del ‘Rapporto sul Mercato del Lavoro’, pubblicato e realizzato da Fondazione Obiettivo Lavoro.

Sono soprattutto le industrie a utilizzare Internet per cercare nuovi dipendenti. Infatti, ben il 41% degli annunci presenti sui siti delle agenzie per il lavoro e sui giornali online sono riconducibili al mondo industriale.  Il resto delle offerte di lavoro pubblicate sul web riguarda i servizi (33%) e il commerciale (17%).

Inoltre, la metà del totale degli annunci di lavoro sul web, offre un contratto a tempo determinato, il 15% a tempo indeterminato,  l’11% un contratto di inserimento. Le conoscenze e le abilità ricercate sono medio-alte e, sempre la metà degli annunci di lavoro, ricercano laureati.

Il 20% degli annunci di lavoro pubblicati online sono rivolti a chi possiede ottime capacità relazionali, capacità di lavorare in autonomia e di problem solving.

Il dato che ci deve far riflettere è che ben l’88% dei recruiter usa i social network per raccogliere informazioni sui potenziali candidati, soprattutto Linkedin (che attualmente conta 4 milioni di iscritti).

Le agenzie per il lavoro conservano ancora un ruolo da protagonisti, ma in Italia chi ha meno di 30 anni e vuole lavorare si rivolge al web. Naturalmente, Facebook la fa da padrone, ma le piattaforme che stanno crescendo sono molte. Le aziende tendono ad aprire i propri profili (sia su Facebook, che su Linkedin) e inserire anche lì le loro ricerche di personale: 1 volta su 4 le candidature ottengono risposta. Il social network più utilizzato tra i giovani italiani under 30 risulta Facebook (85,6%), cui seguono Linkedin (53,5%) e Twitter (19,6%). Quando però bisogna cercare lavoro è a Linkedin il portale preferito.

Linkedin è frequentato soprattutto da donne (54,2%)  e attrae persone con un profilo formativo più alto. Coloro che si candidano attraverso Linkedin ottengono maggiori riscontri rispetto a Facebook e Twitter. Mentre su Linkedin risultano più numerose le offerte di lavoro per professionisti con molta esperienza (53,5%), su Twitter è facile trovare ricerche per profili junior (57,1%).

E’ importante sottolineare, però, che i social  non sono ancora la prima scelta dei giovani. A loro sono preferiti i siti dedicati alla domanda e offerta di lavoro (86,7%), le agenzie per il lavoro (84,3%), i siti aziendali (70,4%).

E’ evidente che sfruttiamo ancora poco le opportunità del web e la possibilità di trovare lavoro attraverso canali alternativi a quelli tradizionali. Se da una parte, le Aziende si sono  attrezzate per essere presenti sui social network e molte si stanno aggiungendo, dall’altra parte percorriamo poco questa strada per incrementare le nostre chance professionali.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Economia e Diritto

Il mercato del lavoro in Italia

Gli italiani e il lavoro: sono troppe le anomalie?

Daniele D'Amico30 ottobre 2017
Non solo crescita per il Sud Italia

Rapporto Svimez 2017: luci e ombre sul Sud Italia

Daniele D'Amico28 luglio 2017
Resto al Sud: il lavoro è nel meridione

“Resto al Sud”: la misura del Governo per la crescita del Mezzogiorno

Daniele D'Amico1 luglio 2017
egione Puglia nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Regione Puglia: nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Daniele D'Amico23 giugno 2017
La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it