Cronaca estera

Ryanair, passeggeri occupano e saccheggiano l’aereo: “siamo stanchi!”

Ryanair, passeggeri occupano e saccheggiano l’aereo: “siamo stanchi!”
Claudio Santovito

di Claudio Santovito
Davvero incredibile ciò che è successo sul volo FR1545 Rabat-Parigi Beauvais di sabato 11 gennaio scorso operato da Ryanair: decollato nel tardo pomeriggio dal Marocco, ha dovuto fare uno scalo obbligato a Madrid poichè uno dei passeggeri ha accusato un malore. Si è reso perciò necessario l’atterraggio in emergenza in Spagna per permettere al passeggero le cure necessarie. Ripartito alla volta della capitale francese, il crew si è reso conto che l’atterraggio sarebbe avvenuto oltre la mezzanotte, limite oltre il quale – a causa dell’inquinamento acustico – sono interdetti i movimenti aerei sugli scali parigini di Beauvais e Orly. Il comandante ha perciò deciso di atterrare all’aeroporto di Nantes Atlantique, dove il crew ha abbandonato regolarmente l’aeromobile. Ma ciò che è successo dopo ha dell’incredibile: 100 dei 170 passeggeri sono rimasti a bordo e hanno occupato l’aereo in segno di protesta, saccheggiando cibo, bibite e in alcuni casi (sporadici, in verità), anche liquori, sigarette e profumi. Il tutto perchè lo scalo francese era chiuso e non era possibile acquistare viveri.

Stando alle testimonianze raccolte da Metronews, i passeggeri risultavano violenti e iracondi, dopo 7 ore trascorse all’interno del Boeing 737-800 (a fronte delle 2,30 schedulate). “Siamo stanchi e arrabbiati per una situazione mal gestita“, hanno dichiarato alcuni protagonisti dell’increscioso evento, denunciando la fame e la sete, oltre che la rabbia e la stanchezza. La tensione ha raggiunto livelli preoccupanti tanto che la polizia francese è stata costretta ad intervenire per trovare una soluzione, che si è ottenuta riproteggendo i passeggeri in un albergo vicino l’aeroporto a spese della Compagnia che poi, noleggiati alcuni pullman, ha tradotto i passeggeri allo scalo di destinazione, situato a poco meno di 500 chilometri. “Prise d’otage et pillage” o “réaction compréhensible?”, ha titolato la stampa francese. Certo, l’inconveniente del malessere incorso allo sfortunato passeggero non era prevedibile, tuttavia la gestione della faccenda è risultata un pò anomala: perchè atterrare a circa 500 km di distanza quando si poteva provare a raggiungere il Charles de Gaulle? Va bene che non è base Ryanair, ma almeno si sarebbe diminuito il disservizio. Già in passato lo scalo di Beauvais vide Ryanair protagonista di un singolare episodio: lo scorso settembre, il volo Prestwick-Ibiza fu costretto ad atterrare in emergenza a Parigi Beauvais un gruppo formato da 14 folkloristici passeggeri scozzesi iniziò a cantare e ballare a bordo del Boeing Ryanair tanto da costringere il comandante a un emergency landing. Gli scozzesi erano talmente brilli da essere convinti di essere sbarcati davvero a Ibiza.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca estera
Claudio Santovito
@clasantovito

Scrittore, giornalista. Specializzato in aviazione civile e trasporto aereo, mi occupo anche di cultura, inchiesta, curiosità dal mondo. Ho pubblicato, nel 2011, il mio primo romanzo "Tempo da dimenticare - Giallo nella notte barese" (Sentieri Meridiani Edizioni). Comunicazione, giornalismo digitale e Twitter le frecce nel mio arco. Ho un blog dedicato all'aviazione, "Notizie dal cielo". Rispondo io, a tutti, sempre. www.claudiosantovito.it - Twitter: @ClaSantovito

Altro in Cronaca estera

Chobani

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti

Pierfrancesco Caira27 aprile 2016

Caso Regeni, quando i soldi sono più importanti della vita di un connazionale

Vincenzo Demichele5 aprile 2016
Hilde Kate Lysiak

USA: reporter di 9 anni batte sul tempo i media

Pierfrancesco Caira5 aprile 2016

Attentati di Bruxelles, il terrorismo molecolare che devasta l’Europa

Vincenzo Demichele25 marzo 2016
Raqia Hassan

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan

Daniele D'Amico9 gennaio 2016

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Albini in Africa: tra superstizione e violenza all’indomani delle elezioni politiche

Federica Bartoli22 settembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
amazon

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili

Francesco Tiberio20 agosto 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it