Cronaca

Arizona: abolita la legge pro-omofobia

Arizona: abolita la legge pro-omofobia
Federica Bartoli

di Federica Bartoli
La proposta di legge SB1062, presentata in uno dei paesi più conservatori degli Stati Uniti, l’Arizona, consente ai commercianti, del 48° Stato ammesso nell’Unione, di negare i propri servizi a clienti che mostrino di non condurre uno stile di vita compatibile con il proprio credo religioso. Smontando l’involucro linguistico che tenta di addolcire il reale contenuto della suddetta legge, troviamo che il provvedimento supporta, o addirittura incentiva, l’omofobia. Inoltre possiamo notare come in realtà il decreto investe un numero più cospicuo di individui al di fuori dei soli omosessuali, considerato che le cosiddette “ferme convinzioni religiose” possono toccare problematiche sociali di qualunque genere. Così, la discriminazione che la legge praticamente metterebbe in atto, avrebbe potuto colpire anche divorziati, ragazze madri e così via.

Ragioni di natura prettamente economica hanno quindi spinto la governatrice dell’Arizona, Jan Brewer, a porre il veto alla legge contravvenendo alle profonde convinzioni di stampo conservatore che hanno da sempre caratterizzato questa fervente politica, ricordata per le accese polemiche e discussioni tenute proprio contro il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. La controversa legge, inoltre, avrebbe portato al disastro economico soprattutto a causa della manifesta opposizione ad essa esplicitata da numerose multinazionali tra cui la Apple, che è in procinto di aprire in Arizona una fabbrica che garantirebbe lavoro a più di due mila persone, senza contare il disappunto dell’American Airlines, della Delta Airlines e della catena di alberghi Marriott.

Inoltre, la National Football League, che aveva affidato allo Stato la finale del Superbowl, prevista per il primo febbraio 2015, ha minacciato di cancellare l’evento qualora la proposta fosse stata approvata. Infine, la fascia di cittadini compresa tra i 18 e i 33 anni, maggiormente favorevole alle unioni gay, ha mostrato tutta la sua disapprovazione.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it