Arte, cultura e spettacolo

Biagio Antonacci a Bari: docente per un giorno

Biagio Antonacci a Bari: docente per un giorno

di Francesca Cataldo
Sold out per l’Aula Magna dell’Università degli studi di Bari questa mattina in occasione della tanto attesa lezione tenuta dall’artista di origine pugliese, Biagio Antonacci. “Il mestiere del cantautore”: questo il tema affrontato. Erano centinaia gli studenti che hanno affollato le entrate dell’Ateneo per assistere alla lezione del Prof. Antonacci, per la prima volta in veste di docente in un’aula universitaria. I responsabili del Seminario, coordinato dalla Facoltà di Scienze dello Spettacolo, avevano previsto un incontro di un’ora, ma per accontentare tutti, Antonacci, con pazienza e generosità , ha accontentato tutti, trattenendosi a chiacchierare con i suoi fan fino alle 12.30. Di ritorno da New York, dove il 7 marzo scorso, sul prestigioso palco del Madison Square Garden, ha festeggiato, insieme a Jovanotti, i 20 anni di carriera di Laura Pausini,  “Il cantore dell’amore moderno”, come lo hanno ribattezzato in molti, ha risposto alle tante domande dei presenti e ha raccontato i suoi grandi successi, ripercorrendo la sua brillante carriera. Dalla faticosa gavetta durata nove anni vissuti da geometra di giorno e musicista di sera, a “Liberatemi” (Festivalbar 1992), il primo grande successo che ha segnato il suo battesimo nella scena pop, con oltre 150.000 copie vendute, fino ai tanti altri successi discografici che lo hanno consacrato negli anni come un cantore appassionato e viscerale dei sentimenti e delle emozioni umane, da  “9 novembre 2001”, a “Convivendo”, a “Vicky Love” e il “Cielo ha una porta sola”. Fino al suo ultimo successo “Sapessi dire no”, uscito lo scorso anno, in cui si avvertono richiami alla tradizione della musica latina della pizzica, “un omaggio al Salento e alla mia terra, la Puglia”- ha dichiarato il cantautore. E’ questa la storia di Biagio Antonacci che, agli studenti baresi, parla del potere della musica e dell’enorme macchina, fatta di professionalità diverse,  che fa da background ad un artista. Una passione che diventa mestiere. In chiusura Biagio confessa ai suoi giovani uditori la sua personale ricetta della vita fatta di: curiosità, sogno, energia, libertà, talento e soprattutto umiltà. “Starei a parlare qui per ore -confessa- E’ un’esperienza bellissima. L’energia vera, la vita, nasce qua tra i giovani. Senza l’energia la musica non esisterebbe”.
Biagio Antonacci ha, poi, salutato affettuosamente i suoi fan rinnovando l’appuntamento con “Palco Antonacci tour” che partirà proprio a Bari, il 24 maggio prossimo, all’Arena della Vittoria.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it