Costume & Società

Neck Nomination: la nuova pericolosa moda che spopola tra i teenagers

Neck Nomination: la nuova pericolosa moda che spopola tra i teenagers
Roberto Loizzo

di Roberto Loizzo
Neck Nomination. Si chiama così l’ultima folle moda che si sta diffondendo tra i teenagers di tutto il mondo. Nata in Australia si è diffusa velocemente negli Stati Uniti, Inghilterra e centro Europa, portando con sè una catena di morte e distruzione. I ragazzi di tutte le età vengono ripresi mentre ingeriscono quantitativi di alcool pericolosissimi sfidando poi tre amici a fare di meglio entro 24 ore, pena essere derisi, caricando in seguito i vari video sul web e sui social networks. Proprio dal collo delle bottiglie che i partecipanti a questo nuovo drinking game si scolano deriva il nome Neck Nomination. Iniziato come un banale gioco tra amici è diventato qualcosa di più. La voglia di vincere la sfida fa sì che questa assurda catena diventi sempre più lunga e dannosa. La Neck Nomination è un fenomeno in 4 atti. Atto primo: ci si attacca al collo della bottiglia a contenuto alcolico o superalcolico. Atto secondo: si compie una bravata da ubriachi. Atto terzo: si posta il tutto in rete. Atto quarto: si nomina qualcuno che entro 24 ore deve fare lo stesso. I ragazzi in stato psico-fisico alterato si cimentano in sfide assurde mettendo in pericolo la propria vita e quella altrui. C’è chi si è ripreso ubriaco alla guida o chi è entrato a cavallo all’interno di un supermercato. L’ultima assurdità più cliccata sul web è il video di una ragazza che, entrata in un negozio, inizia a bere per poi spogliarsi e farsi filmare. E’ impressionante vedere come i tantissimi nominati non riescono a sottrarsi dal portare avanti questa pericolosa catena, contribuendo ad ampliarla.

Una moda molto pericolosa questa che ha portato alla morte già diversi giovani tra Australia ed Inghilterra. Si parla di una decina di giovani morti per overdose di alcol o per le conseguenze delle bravate compiute in stato di ebbrezza o incoscienza. Il web reagisce vedendo la nascita di molti gruppi contro questa nuova moda, una mamma posta su Facebook la foto del figlio che ha rischiato il coma etilico. Le varie associazioni genitori chiedono sempre più intensamente una forma di protezione contro la diffusione di questi video sentendosi rispondere, come nel caso del celebre social network, che la pubblicazione dei video non viola nessuna legge.

Il fenomeno sta arrivando anche in Italia e sono diversi i video che testimoniano la bravata nella nostra penisola. E’ di ieri la notizia di due baristi della provincia di Pordenone denunciati per aver somministrato bevande alcoliche a sette minorenni, alcuni dei quali impegnati in una Neck nomination. E’ proprio dall’Italia, però, che arriva il primo NO! a questo fenomeno ed è la prima volta che questa catena pericolosa viene spezzata. Proprio in questi giorni è diventato virale il video di Carlo Alberto, studente di giurisprudenza di Torino, che ha risposto alla nomina con una tazza di aranciata dicendo: <<Ringrazio per la nomination, e vorrei dire che il fare un video della bevuta, con l’alcolico da bere a goccia, é una grandissima stronz… Quindi ripigliatevi, alla salute>>. Da qui è stato anche creato un hashtag apposito, #ChangeNomination, per quanti intendano dire la loro contro il Neck Nominate.

Non si tratta di un problema di dipendenza alcolica. Questi comportamenti estremi esprimono un profondo bisogno di riconoscimento e di essere visti. I giovani sono alla ricerca di un attestato relativo alla loro identità, al loro valore e alla loro diversità rispetto agli adulti.
I danni causati dall’alcol sia a livello celebrale che finico sono ben noti ma l’analisi del fenomeno apre la strada ad altre considerazioni. Un aspetto importante di questo fenomeno è che si è di fronte ad un gioco di dimostrazione globale, in cui si mette in primo piano la propria immagine, la propria vanità, di fronte a tutti e a qualsiasi costo: rischiare la morte piuttosto che non mostrarsi.
Questo fenomeno aggiunge un altro elemento in più; quello del “doverci essere”. Tra i giovani, vivere attraverso i social ormai è quasi d’obbligo. La percezione, per lo più distorta, è che, se non partecipi non ci sei, non esisti per la comunità. E soprattutto se non condividi con gli “altri”, chiunque essi siano, non hai la stessa gratificazione ottenuto dal gesto.
Per il momento in Italia, i ragazzi non lo stanno facendo con i super alcolici che sono la principale causa di morte;  il gioco si sta “limitando” nel  bere una bottiglia di birra, alcuni lo chiamo infatti il “gioco della birra“. Da evitare comunque, perchè sarebbe meglio mettersi in mostra per altre cose e non per queste inutili e pericolose bravate.

(Avvocato Roberto Loizzo, Criminologo Forense)

Visualizza Commenti (2)

2 Comments

  1. keane

    10 marzo 2014 at 21:53

    http://www.barganews.com/2014/03/10/neknominate/

    In Garfagnana, there is now a movement to counteract this game as a musician – Ugo Menconi, well known to readers of barganews.com as the accordion player in The Aristodemo’s has launched a new game called Culturenominate.

    He plays a piece of music live and then nominates three other people who have to respond with their own culture nominate within 24 hours.

    He says that he was appalled by the neknominate meme which is sweeping the net and wanted to put something back which was of a positive nature.

    Da qualche settimana passano dei servizi sui tg nazionali in cui si narra di stupidi giochini in rete, istigatori di alcolismo tra i giovani. Il gioco consiste nel farsi un video mentre si beve “alla goccia” del liquore, vino o birra e alla fine si “nominano” degli amici che dovranno fare altrettanto.

    Non voglio fare il bacchettone (a suo tempo il sottoscritto ha preso delle sonore briache tra amici…), a tutti piace bere in compagnia ma OSTENTARE ed INVITARE riprendendosi all’alcol lo trovo molto pericoloso, patetico e insignificante.

    Vorrei lanciare una moda (oddio ma qualcuno l’ha già fatto??)… Le “CULTURENOMINATE”.

    Ho girato un video suonando il tema di Carlo Rustichelli da “Amici miei” di Monicelli. Alla fine del video ho nominato 3 persone, Massimo Salotti, Pasquale Mastronaldi e Anita Azzi che dovranno fare la stessa cosa, registrare un video sulla loro arte, non importa quale essa sia, musicale, pittorica o recitativa…e nominare a loro volta 3 persone ognuno che a loro volta faranno lo stesso.

    Ci proviamo?? Non importa il livello, la bravura tecnica dell’esecutore… Diamo una risposta a queste brutte abitudini e… DIVERTIAMOCI!!! – Ugo Menconi

  2. Pingback: “Knockout game”, la nuova stupida moda creata ad arte dai media | Il Corriere delle Puglie – NEWS

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Costume & Società
Roberto Loizzo

Avvocato e Criminologo Forense. Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Bari “A. Moro”; Criminologo Forense con titolo conseguito presso l’Università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza (VA); Avvocato; Lavora nell’ambito penale occupandosi di criminalità e minori; Autore di articoli con analisi criminologica dei fatti di cronaca per le testate giornalistiche Barilive.it e CorrieredellePuglie.com; Docente presso Master Universitario di I e II livello in Criminologia Sociale alla PST BIC di Livorno per a.a. 2011 - 2012

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it