Costume & Società

Bari, poche ore al ballottaggio tra Antonio Decaro e Mimmo Di Paola

Bari, poche ore al ballottaggio tra Antonio Decaro e Mimmo Di Paola

di Francesca Cataldo
Domenica 8 giugno, dalle 7 alle 23, si vota per il ballottaggio al Comune di Bari. Saranno i cittadini, tornando al voto, a decidere chi sarà il prossimo sindaco. A contendersi il titolo di primo cittadino ci sono Antonio Decaro (esponenete di centrosinistra) e Domenico Di Paola, detto Mimmo (esponente di centrodestra).  I risultati ottenuti dalle votazioni dello scorso 25 maggio hanno portato Antonio Decaro al 49,4%, ad un passo dall’elezione diretta (50% più un voto) e Domenico Di Paola al 35,8% dei consensi.

I programmi proposti dai due aspiranti sindaci si presentano ben articolati. Decaro propone di attuare 10 cambiamenti in un lasso di tempo di massimo 100 giorni, termine oltre il quale egli stesso dice “Vado a casa” : 1) nomina della Giunta composta al 50% da donne; 2)taglio del 50% dei costi di amministrazione delle municipalizzate; 3) disposizione di un giorno a settimana da dedicare ai cittadini a Palazzo di Città; 4) Raddoppio della vigilanza, delle strutture adibite per i disabili a Pane e Pomodoro e Torre Quetta; 5) disposizione di una strada al mese da adibire per festival all’aperto; 6)nuove aree verdi, case dell’acqua alla spina per la distribuzione dell’acqua liscia e frizzante, realizzazione di orti in 3 scuole, piazze wi-fi gratis, aree attrezzati per cani; 7) affido di edifici dismessi per 3 anni gratuitamente ad associazioni e nuove imprese;8) ricapitalizzazione dell’Amtab e autobus gratis per gli over 65; 9) manutenzione di 60 km di strade cittadine; 10) nuove mansioni e retribuzioni per 400 baresi.

Sul versante opposto, Di Paola presenta un programma altrettanto corposo che prevede: -riassetto istituzionale e decentramento amministrativo, -riorganizzazione della macchina comunale, -qualità urbana e riqualificazione del territorio, -miglioramento delle infrastrutture (in primis realizzazione di una metropolitana leggera di superficie), -interventi di edilizia residenziale pubblica, -sviluppo economico e lavoro (nuove assunzioni), -interventi sulle famiglie in condizioni di disagio abitativo, -investimenti su asili e scuole per l’infanzia e sulla loro qualità, -ageduamento degli interventi per le persone non autosufficienti, -politiche per gli anziani, per la disabilità, per gli animali, per lo sport, -potenziamento del sistema di videosorveglianza e miglioramento dell’illuminazione, -promozione di eventi culturali che diano luce al ricco tessuto di istituzioni ed associazioni presenti sul territorio.
Entrambi i programmi si presentano ricchi ed interessanti. Ai cittadini baresi l’ardua sentenza.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it