Calcio

Serie B: La favola del Bari continua

Serie B: La favola del Bari continua

di Gianpiero Fato
Il cuore continua a battere, la testa è ancora ai festeggiamenti, e la lucidità, quella, è davvero poca, tanto da permettermi di pensare a un titolo tanto banale quanto dannatamente vero. La favola del AS Bari, o del nuovo Football Club Bari 1908, o de “La Bari“, come è chiamata amorevolmente dai tifosi, continua.
“Insegui i sogni che credi fino al giorno che li rendi veri”
, così faceva una vecchia canzone degli Articolo 31, strofa che sicuramente i tifosi baresi, la società e i calciatori stessi hanno preso per trarre ispirazione e portare quel sogno non ancora del tutto avverato, e che non nominiamo per scaramanzia, ma che è lì pronto per diventare una concreta realtà.
Al termine della partita di venerdì sera col Novara, finita sul punteggio di 4-1 in rimonta, lo Stadio San Nicola e la città tutta, sono esplosi in una manifestazione di gioia e felicità, per quella che sicuramente è diventata la storia più bella del panorama calcistico italiano, almeno per quanto concerne il campionato cadetto: il Bari ha raggiunto i play-off. La strada è stata lunga è difficile, e sarebbe davvero impossibile riuscire a raccontarla tutta; un’intera stagione fatta di vicissitudini, alti ma soprattutto bassi, molti dei quali raccontati proprio dalle nostre pagine, arrivando a un punto di non ritorno cupo, ma, che come nei più classici dei romanzi, ha visto invece il classico lieto fine. Si perchè, comunque andrà a finire il play-off col Crotone martedì 3, la stagione 2013-2014 del Bari può considerarsi più che positiva. Per cercare in qualche modo di riassumere l’intera favola biancorossa, cercheremo di individuare i 10 punti chiave dell’anno.


1. Estate 2013
– Dopo i vani tentativi di cessione della società, quest’ultima rimane in mano alla famiglia Matarrese. Con l’addio del tecnico Torrente, arriva sulla panchina biancorossa Carmine Gautieri; la sua avventura durerà solo 18 giorni. All’avvio del campionato la squadra verrà affidata al duo Alberti-Zavettieri e come se non bastasse si presenterà al via con 3 punti di penalizzazione. La preoccupazione dei tifosi sarà tanta.

2. 14 Settembre 2013 – Il Bari passa in casa col Modena per 1-0, rete di Ceppitelli, e trova così alla quarta giornata la sua prima vittoria, dopo due pareggi e una sconfitta, recuperando i punti di penalizzazione e cominciando così il suo campionato. Seguiranno le vittorie di misura su Pescara e Palermo.

3.  25 Gennaio 2014
– Dopo un girone di andata abbastanza incolore, dove il Bari naviga in zona retrocessione, arriva la sconfitta al giro di boa contro la Reggina al San Nicola. La rete è di Maicon al primo giro d’orologio.

4. 1 Febbraio 2014
– Il Bari perde la sua seconda gara dell’anno col Brescia per 2-1 dopo il primo vantaggio di Sciaudone. La situazione in classifica è critica, ma quello che preoccupa veramente tifosi e società, è il rischio di fallimento avanzato dal Comune per la vicenda del recupero crediti. La società rischia non solo di estinguersi, ma anche di retrocedere alle categorie minori.

5. 10 Marzo 2014
– Tra l’8 e il 15 Marzo il Bari ottiene due vittorie di misura con Virtus Lanciano e Avellino, ma nel mezzo, precisamente il 10, arriva una notizia che spacca in due la città, la società è dichiarata fallita. Da un lato la gioia di salutare la famiglia Matarrese, che nel bene e nel male, ha tenuto la società per 30 anni, dall’altro il timore che nessuno possa salvare la società da retrocessione certa.



6. 29 Marzo 2014
– E’ la data della svolta! In attesa del giorno dell’asta per l’acquisizione della società, i tifosi incominciano a sostenere il più possibile la squadra, forti dell’ aria nuova che si respira dopo la gestione Matarrese. Sostenuti dalla tifoseria, i ragazzi di Alberti-Zavettieri, giocano la partita della vita con il Trapani, e trovano la convinzione di poter fare qualcosa di grande. In Sicilia, sotto di due reti, i galletti biancorossi recuperano siglando un poker; la partita finirà 3-4. Tre punti fondamentali che, seguiti a quelli con l’Empoli e il Varese, chiudono in cerchio di sette risultati utili consecutivi. Il Bari passa dalla disperazione della retrocessione al sogno utopico dei play-off.

7. 18 Aprile e 12 Maggio 2014
–  Le due date sono da ricordare per le due aste giudiziarie andate deserte. Proprio questa disfatta, condita dalle grandi prestazioni dei giocatori in campo, fanno nascere un desiderio di rivincita da parte di tutto il popolo barese, che finirà con lo sfociare su tutti i mezzi di comunicazione di massa, attraverso il messaggio gridato all’ unisono de “COMPRATE LA BARI”. A questo appello partecipa tutta la cittadinanza, ma anche personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo, attraverso i diversi social network, diventando così caso nazionale ed internazionale.

8. 19 Maggio 2014
– Il Bari affronta il Cittadella, battendolo sul finale per 1-0 con Lugo. E’ la quinta vittoria consecutiva, dopo quelle con Padova, Ternana, Juve Stabia e Carpi. Lo stadio esplode di gioia, arriva anche il record di spettatori paganti per la Serie B, 35.181, e la squadra si porta in piena zona play-off nonostante il nuovo punto di penalizzazione comminato il 30 aprile 2014 dalla Disciplinare per violazione delle regole Co.Vi.Soc. Il giorno dopo ci sarà la terza asta.

9. 20 Maggio 2014
 – Ha luogo la terza asta giudiziaria, con prezzo base ribassato a due milioni. Ad aggiudicarsela sarà l’ex arbitro Gianluca Paparesta per 4,8 milioni di euro. Tre giorni dopo verrà stipulato il contratto d’acquisto, nasce il Football Club Bari 1908.

10. 30 Maggio 2014
– Dopo la sconfitta rimediata con lo Spezia, nell’ultima giornata di campionato, il Bari ha bisogno non solo della vittoria per chiudere in zona play-off, ma anche di risultati favorevoli dagli altri campi. La pratica tra le mura amiche è chiusa con un sontuoso 4-1, e nel frattempo arrivano notizie soddisfacenti da Siena. Il Bari chiude al posto con 63 punti e affronterà il Crotone nella prima gara dei play-off.



In dieci brevissimi punti, è stato detto di tutto e di più. Ora mancano ancora tre grandi scogli per continuare a sognarLA, il primo dei quali è a Crotone in gara secca. Se dovesse accedere alle semifinali, il Bari dovrà vedersela poi con il Latina l’8 e l’11 Giugno, e poi dritto verso la finalissima in doppia sfida il 15 e il 18 Giugno. Una città intera è già in festa, per quanto accaduto in questi ultimi 4 mesi, se dovesse arrivare poi un’ inattesa promozione, l’ultima la portò un certo Antonio Conte, sarebbe bolgia a tutti gli effetti. Ad oggi è ancora tutto un sogno, e sognare è lecito, ma si sa, i sogni bisogna sempre inseguirli fino al giorno che diventano veri.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Calcio

unitedslyfc

La United Sly presenta i programmi per la nuova stagione

Francesco Tiberio26 settembre 2017

Il Bari è più brutto del Novara

Alessandro Castagna26 ottobre 2016

Pesante stop del Bari, Stellone a rischio

Alessandro Castagna17 ottobre 2016

Bari, pareggio con qualche rimpianto

Alessandro Castagna1 ottobre 2016

Bari, promosso il turn-over

Alessandro Castagna21 settembre 2016

Super Pippo!

Alessandro Castagna17 settembre 2016

Champions League al via, Buffon miglior portiere su Twitter

Daniele D'Amico13 settembre 2016

Il Bari non va oltre il pari

Alessandro Castagna11 settembre 2016

Il Bari semina nel secondo tempo e raccoglie nel finale, al Curi è 0-1

Alessandro Castagna4 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it