Arte, cultura e spettacolo

Meno auto in città grazie al “Car sharing”

Meno auto in città grazie al “Car sharing”

di Floriana Vitale
I mezzi di trasporto urbano sono troppo affollati e lenti? Non ami passeggiare nello smog? Ti piacerebbe poterti muovere in libertà senza pensare ad orari e fermate da raggiungere? Bene, la soluzione ai tuoi problemi si chiama “Car2Go“.
Da qualche mese infatti in alcune città italiane è possibile usufruire di questa nuovissima piattaforma di Car Sharing, che permette di noleggiare delle piccole auto in modo pratico e veloce.
Il meccanismo di Car2Go consiste nell’iscrizione alla piattaforma on-line che permette di ricevere una Membercard, quest’ultima funge da chiave che permetterà di mettere in moto la vostra auto. L’innovazione vera e propria consiste nell’App per smartphone, da scaricare con pochi click, che individua le auto parcheggiate nelle tue vicinanze.

Una volta raggiunta l’auto basta inserire la propria membercard ed il noleggio è vostro, da quel momento potrete usufruire dell’auto quanto vi pare, potrete sostare e lasciarla parcheggiata mantenedo ugualmente il vostro possesso.
Potrete altresì stoppare il vostro noleggio dopo pochi kilometri senza problemi, l’unico accorgimento sarà quello di parcheggiare nell’Area Operativa indicata nell’App, in modo tale da rendere agevole il raggiungimento dell’auto da parte di altri fruitori.
É inoltre possibile prenotare l’auto fino a 30 minuti prima , in modo tale da poterla raggiungere in tutta tranquillità evitando che qualcuno la porti via.
Le prime città ad aderire all’iniziativa sono state: Milano con ben 600 auto, Firenze con 200 auto e da pochi giorni anche Roma con 500 auto a disposizione.
La prima città in assoluto è stata Ulma in Germania nel lontano 2008 a cui hanno fatto seguito nel 2010 gli Stati Uniti, Canada, Austria, Paesi Bassi e Regno Unito.
Le auto utilizzate sono tutte Smart fortwo con allestimento “Car2Go edition” sia elettriche che a benzina a seconda della città.
Anche le tariffe variano a seconda della città e sono comprese di carburante e assicurazione.

Il servizio per ora è in crescita e noi ci auguriamo di vederlo, magari presto, anche nella nostra Bari. La tutela ambientale e la minimizzazione dello spazio occupato sono alcuni dei principali vantaggi ambientali. Nelle società di car sharing il numero di associati per veicolo varia da 8 a 25 – 30. Le esperienze già consolidate hanno dimostrato come circa un quarto degli aderenti ha rinunciato ad un veicolo dopo essersi associato al servizio di car sharing e ciò significa che mediamente ogni veicolo condiviso sostituisce almeno quattro auto private.
Il pagamento correlato al reale uso permette agli aderenti di fare scelte più razionali e oggettive su quale sia il mezzo di trasporto adatto per ogni tipo di spostamento. Ciò produce, una riduzione dei chilometri annui percorsi del 40 – 80%, anche per coloro che, non possedevano un’ auto ed erano soggetti trasportati o con auto in prestito. Questo, evidentemente, si traduce in un minore inquinamento atmosferico e acustico e nelle riduzione delle emissioni di anidride carbonica, il gas principale responsabile dell’’effetto serra.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it