Scienza & Tecnica

Harvard: la fluorizzazione dell’acqua è un grave rischio per la salute

Questo articolo è stato visualizzato 1.655 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Harvard: la fluorizzazione dell’acqua è un grave rischio per la salute
Pierfrancesco Caira

Uno studio pubblicato di recente sulla prestigiosa rivista scietifica The Lancet dai ricercatori della Harvard School of Public Health e della Icahn School of Medicine at Mount Sinai ha dimostrato l’effetto diretto che varie sostanze chimiche hanno sullo sviluppo di diversi disturbi mentali nelle persone più giovani, fra le sostanze incrminate vi sono i composti del fluoro, in particolare il fluoruro di sodio; alcuni Paesi attuano da molti anni il processo di fluorizzazione dell’acqua potabile nonostante non esista alcuna prova che questo aiuti a prvenire la carie dentale, la scusa ufficiale con cui tutto ebbe inizio. In America ormai oltre i due terzi delle riserve idriche sono fluorurate, i nazisti usavano questa pratica per rendere più docili i loro ospiti nei campi di concentramento. Lo studio iniziò nel 2006 con una pubblicazione che esaminava gli effetti di alcune sostanze chimiche di natura industriale sulla genesi di disturbi dello sviluppo neurologico, per poi continuare con analisi più approfondite su altre sostanze, incluso il fluoruro di sodio (il composto aggiunto all’acqua potabile).

Negli anni successivi sono stati condotti ulteriori studi correlati, 27 per la precisione, che hanno dimostrato, fra le altre cose, come il fluoruro contribuisca ad abbassare il quoziente intellettivo dei bambini e danneggi lo sviluppo del loro cervello, oltre a causare disturbi dello spettro autistico. Per Philippe Grandjean e Philip J. Landrigan, i coordinatori delle ricerche citate, il problema risiede nel numero sempre maggiore di sostanze chimiche approvate senza prima aver effettuato i test tossicologici necessari; come evidenzia Julia Medew per il Sydney Morning Herald, la stragrande maggioranza delle circa 80.000 sostanze chimiche artificiali utilizzate negli USA non è mai stata testata per i possibili effetti nocivi sui feti e sui bambini. Per cui oggi la rivista medica più antica del mondo ha classificato ufficialmente il fluoruro di sodio come neurotossina, al pari di veleni quali l’arsenico.

Anche se la quantità ingerita ogni volta è minima, la sostanza si accumula all’interno del corpo durante gli anni e può portare malfunzionamento del sistema endocrino, danni ai reni, debolezza ossea, fluorosi dentale e scheletrica, cancro, calcificazione della ghiandola pineale, immunodeficienza, artrite e molto ancora. Questo porta all’inevitabile conclusione che la fluorizzazione dell’acqua andrebbe fermata ovunque, dovendosi altresì prevedere dei procedimenti inversi per purificare le riserve idriche contaminate. Il problema ha rilevanza internazionale e la soluzione dovrebbe altresì essere condivisa a livello globale, i composti artificiali in circolazione sono numerosissimi: è d’uopo introdurre una regolamentazione comune a tutte le nazioni per ogni sostanza chimica prodotta dall’uomo, rendendo obbligatorie le preventive valutazioni su eventuali effetti dannosi per gli esseri viventi e per l’ambiente.

Per ulteriori approfondimenti sulla fluorizzazione dell’acqua:

http://fluoridealert.org/

http://www.collective-evolution.com/?s=fluoride

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Scienza & Tecnica

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it