Arte, cultura e spettacolo

Biagio Antonacci “L’amore comporta tour 2014” a Bari

Biagio Antonacci “L’amore comporta tour 2014” a Bari
Mariangela Lomastro

di Mariangela Lomastro
Arriva a Bari “L’amore Comporta Tour 2014” di Biagio Antonacci presso il Palaflorio. La prima data del 16 novembre è andata immediatamente “sold out” e l’appuntamento è stato raddoppiato al 17.
L’ultimo album, da cui il nome del tour, uscito lo scorso 8 aprile per Iris/Sony Music è stabile ai primi posti della classifica Fimi/Gfk tra gli album più venduti.
Cronaca della prima serata. Palaflorio stracolmo già due ore prima dell’inizio. Trepidante attesa che viene presto ricompensata perché Biagio inizia puntualissimo.
Un’esplosione di urla accoglie come un caldo abbraccio l’entrata in scena del cantante di origini baresi, che manda in delirio tutti i fans.

Era presente radio RTL 102.5 che ha trasmesso la diretta sul proprio canale digitale.
Con le note del brano “Cado” inizia il lungo concerto con ben 31 pezzi del suo repertorio.
Il pubblico ha accompagnato Biagio, in un coro unico. Nella prima ora di concerto, tra i pezzi più conosciuti che ha cantato: “Tu sei bella”, “L’amore comporta”, “Angela”,
“Sappi amore mio”, “Ti dedico tutto”.
Biagio si è anche raccontato: “Sapete quanto ho nel DNA questa terra” e “Le canzoni nascono tue e poi diventano di tutti”.

Foto gallery

Courtesy of Mariangela Lomastro

Fra il primo e secondo tempo, una rullata di batteria fenomenale del batterista paragonabile allo scoppiettio dei fuochi d’artificio che rimbombava nella cassa toracica di tutti i presenti.
Alle 22.10 Biagio entra nuovamente in scena con un completo elegante nero, camicia bianca rigorosamente fuori dai pantaloni, pochette bianca e scarpe Nike.

Il concerto prosegue con altri brani noti del repertorio:
“Coccinella”, “In una stanza quasi rosa”, “Le cose che hai amato di più”, “Convivendo”, “Buongiorno bell’anima”, “Se io se lei”.
E subito prima di cantare “Ti penso raramente”, Biagio parla ancora coi suoi fans “Nessuno potrà mai cambiare nessuno, non dobbiamo pretendere mai di cambiare le persone, che nascono in un modo e devono essere amate per come sono. Devono saperti accettare per come sei ed amarti come sei. Diamo subito il peggio nell’immediato!”.
Continua con “Dolore e forza”, “Iris”, “Pazzo di lei” e poi dice “I concerti ti fanno sentire vivo”.
Il concerto volge al termine, ma alle 23 ultimo cambio di abito, pantalone e maglia nera scollata. Tra gli ultimi pezzi della serata, “Sognami”, “Non vivo più senza te”, “Liberatemi”.
Infine Biagio ricorda che “Domani siamo ancora a Bari, la città di mio padre”, che ricordiamo è venuto a mancare a maggio di quest’anno.
Alle 23.30 Biagio conclude la serata promuovendo l’Associazione D.i.RE.
Donne in rete contro la violenza (numero verde 1522) e ringraziando la band, i tecnici e tutti coloro che hanno lavorato per lo spettacolo.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it