Arte, cultura e spettacolo

“Bassa Fedeltà”: le “disgrazie” di un negoziante di dischi

“Bassa Fedeltà”: le “disgrazie” di un negoziante di dischi

di Teresa Manuzzi
Il fascino di un negozio di dischi è innegabile, lo stesso fascino descritto nel famosissimo romanzo di Nick HornbyAlta Fedeltà”. Giovanni Verini Supplizi ha sempre subito questo fascino, nei confronti della musica in generale e dei dischi in particolare, per questo ha sempre desiderato di lavorare in un negozio di dischi. A 27 anni Giovanni riesce a realizzare il sogno della sua vita e il 20 dicembre 2001, in piena “crisi post internet”,  inaugura “Wanted Record”: il suo negozio di dischi. Ben presto però Gianni si renderà conto che le vicende, le vibrazioni e i fermenti della metropoli londinese, descritte in “Alta Fedeltà”, sono molto lontane dal contesto barese. Sì, perché Giovanni ha aperto a Bari il suo negozio di dischi, a due passi dalla Chiesa Russa, nel quartiere Carrassi.

Giorno dopo giorno, anno dopo anno, prende così forma il libro “Bassa Fedeltà”, Studio Graffa Edizioni, che ha come sottotitolo “Non è bello ridere delle disgrazie di un negoziante di dischi”. Il libro, scritto come fosse un diario, con uno stile essenziale ed asciutto, comincia dal principio e narra, in modo ironico e irriverente, la vita che scorre attorno e dentro “Wanted Record”. La storia travagliata dell’inaugurazione del negozio lascia spazio agli episodi più strani, stravaganti e grotteschi che l’autore, in prima persona, ha vissuto stando dietro al bancone. Un racconto esilarante e scanzonato che regala tanti sorrisi, ma che allo stesso tempo offre spunti interessanti di riflessione legati alla musica e alla città di Bari.

Le risate sono assicurate, il testo è anche impreziosito da alcune vignette realizzate da Roberto Cavone. Attraverso le parole di Giovanni Verini Suppizi è possibile percepire il cambimento del modo di intendere e fruire la musica in questi ultimi 30 anni. “Bassa Fedeltà”, nonostante i tratti malinconici che alle volte emergono, è il racconto lucido e genuino di una storia d’amore, l’amore incondizionato verso la buona musica che riesce ancora a far battere il cuore.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018
Pierfrancesco Favino

Bifest 2018: Pierfrancesco Favino e l’essenza dell’attore

Tiziana Di Gravina22 aprile 2018
festival del cinema europeo

FceLecce 2018: il Miglior film è della francese Marie Garel-Weiss

Tiziana Di Gravina15 aprile 2018
Kim Rossi Stuart

I protagonisti e gli eventi speciali del Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina14 aprile 2018
Michael Winterbottom

Ulivo d’Oro alla Carriera per Michael Winterbottom

Tiziana Di Gravina12 aprile 2018
Nico Cirasola al Festival del cinema europeo

Nico Cirasola apre il 19° Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina11 aprile 2018
Michele Pinto

“In Vino Veritas”, il trailer della quarta webserie di Michele Pinto

Tiziana Di Gravina4 aprile 2018
Dentro il mare di Leonardo Dell'Olio

Rifugio e rinascita in “Dentro il mare” di Leonardo Dell’Olio

Tiziana Di Gravina26 febbraio 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it