Arte, cultura e spettacolo

Antonio Tabucchi: l’indagine incessante verso l’ignoto

Antonio Tabucchi: l’indagine incessante verso l’ignoto

di Lucia Schiraldi
Omaggiare l’opera letteraria di un grande scrittore come Antonio Tabucchi (1943-2012), a distanza di quasi 3 anni dalla sua morte, è quanto di più doveroso si possa fare per coloro che già ne hanno raccolto l’eredità, ma anche per i ‘neofiti’ e gli ignari di questo importante riferimento della storia letteraria contemporanea.
Figlio di una Italia devastata dalla seconda guerra mondiale, Tabucchi ha lasciato un’impronta unica e raffinata come autore di racconti e romanzi (tra cui i premiati “Sostiene Pereira” e “Notturno indiano”), come insegnante universitario, giornalista, intellettuale militante e traduttore dell’opera del portoghese Fernando Pessoa.

La sua scrittura, colta ed elegante, custodisce originali forme di indagine sull’universo umano, forme tanto più relative quanto più il suo sguardo sulla realtà si soffermava sulle zone d’ombra e sui suoi aspetti più misteriosi ed evanescenti. Non stupisce, quindi, che a popolare le sue pagine ci siano personaggi enigmatici e ambigui, fantasmi della memoria e presenze infrante, che si muovono in uno spazio caotico e labirintico alla continua ricerca di significati autentici.

Tabucchi, attraverso i suoi libri, istiga il suo lettore a nutrirsi di una incessante interrogazione su se stessi e sulla realtà circostante, lo invita ad arricchirsi di tutte quelle impressioni, interpretazioni e suggestioni che, nel bene e nel male, il mondo gli offre; egli stesso operò in tal senso, costellando l’intera sua opera di suggestioni, non soltanto letterarie ma anche pittoriche, com’è testimoniato dalla presenza di tanti artisti: da Velazquez, Goya e Bosch ai toscani Beato Angelico, Paolo Uccello e molti altri.

Infatti, era sua consuetudine partire da un’immagine, da un preciso punto di vista per poi rovesciarne o diversificarne la lettura, costruire ulteriori livelli di significato che turbano, affascinano, e catturano l’attenzione verso il misterioso e l’ignoto, ovvero l’altra faccia di una stessa medaglia, che è la vita. Lo stesso scrittore una volta disse: «nell’arte, come nella vita, la verità va cercata al di là delle apparenze» e, probabilmente, Tabucchi si aspettava che il lettore andasse oltre i suoi stessi testi, partecipando attivamente sia alla creazione artistica che alla riflessione sulla realtà circostante.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it