Arte, cultura e spettacolo

Il fazzoletto di Desdemona: quando la menzogna si traveste da verità

Il fazzoletto di Desdemona: quando la menzogna si traveste da verità

coverdi Lucia Schiraldi
Si è svolto lo scorso mercoledì 11 febbraio il quarto incontro della VII edizione dei “Mercoledì con la storia”, promosso dalla Libreria Laterza di Bari, in collaborazione con l’associazione Centro Studi Normanno Svevi. Ospite della serata Daniele Maria Pegorari (docente presso l’Università degli Studi di Bari, nonché direttore, insieme a Lino Angiuli e Raffaele Nigro, della rivista letteraria Incroci) che ha presentato il suo recente lavoro critico, Il fazzoletto di Desdemona. La letteratura della recessione da Umberto Eco ai TQ.
Si tratta di un prezioso saggio che analizza il rapporto tra letteratura contemporanea e crisi economica, tra mondo dell’editoria e sistema capitalistico, tra verità e realtà, illuminando quei processi che hanno condotto ad una sorta di «scomparsa della cultura», intesa come generatrice di quel senso critico utile all’analisi e alla conoscenza della realtà circostante. L’autore ha infatti spiegato come la recente recessione italiana non soltanto abbia investito il campo economico, ma sia ‘colpevole’ di aver modificato i contenuti letterari. La crisi, la precarietà del lavoro e, di conseguenza, dell’esistenza sono diventati i temi principali della letteratura dei nostri giorni (si pensi a quel gruppo di intellettuali, e non solo, che si sono riuniti nel 2011 sotto il nome di “Generazione TQ”, ovvero trentenni e quarantenni che hanno fatto della propria instabile condizione il principale argomento letterario).

Parallelamente, il mondo editoriale ha dovuto rispondere alla stessa crisi, adeguandosi alle strutture del capitalismo informazionale e concependo, così, la stessa letteratura solo in termini mercantilistici. Questo adeguamento si è tradotto nell’identificazione dell’industria culturale con quella, spietata ed immediata, della comunicazione a cui non importa che le informazioni siano false o, come definite da Pegorari, ‘di plastica’ poiché inquinano, modificano, alterano la realtà di fatto; conta piuttosto che rispondano ad un modello produttivo fondato sulla vendita di merce a buon mercato.
La realtà di fatto si trasforma, così, in post-realtà (creata dalle mistificazioni linguistiche) ed è proprio su questa che uno dei più importanti semiologi del nostro tempo, Umberto Eco, ha costruito la sua riflessione sul rapporto tra conoscenza e potere falsificatore, celando in parte la ricerca filosofica dietro la narrazione di storie accessibili ad un pubblico più o meno ampio; e sull’analisi puntuale di tutti i romanzi di Eco, si concentra una parte fondamentale de Il fazzoletto di Desdemona.
Cosa può meglio contrastare l’egemonia della comunicazione di massa se non le principali caratteristiche di cui è dotata la stessa scrittura di Eco? Cosa, se non complessità strutturale, cura dello stile, vocazione alla creazione artistica quale antidoto al caos di un mondo sempre più frammentato?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it