Arte, cultura e spettacolo

La scuola telematica del Miur

La scuola telematica del Miur
Tiziana Di Gravina

di Tiziana Di Gravina
Quello dell’iscrizione scolastica rappresenta da sempre per ogni famiglia un passo decisivo e una scelta di grande importanza, riguardando il percorso formativo dei propri figli.

Come lo scorso anno, il 15 gennaio 2015 il Ministero dell’Istruzione ha aperto le iscrizioni per l’anno scolastico 2015/2016 alle prime classi delle scuole statali di ogni ordine e grado che dovranno compiersi esclusivamente in modalità on-line, tramite il sito del Miur www.iscrizioni.istruzione.it (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), fino al 15 febbraio.

Per poter garantire alle famiglie la serenità di una scelta oculata che soddisfi le proprie esigenze, il Ministero ha messo a disposizione degli utenti materiali informativi ad hoc sul sito istituzionale e un help desk; alle scuole ha, poi, destinato un modello base da personalizzare sulla base dell’offerta formativa delle singole istituzioni scolastiche che va compilato e inviato on line direttamente all’istituzione scolastica prescelta.
La scuola auspica, quindi, di diventare telematica sin dai primi passi, ad iniziare dalle procedure di iscrizione, e sin dalla più tenera età dei suoi alunni.

Possono, infatti, accedere alle iscrizioni on line i genitori, o gli esercenti la potestà genitoriale, che vogliono iscrivere i propri bambini che compiono i tre anni di età entro il 31 dicembre dell’anno scolastico di riferimento non solo presso istituti scolastici statali, per cui l’iter è obbligatorio, ma anche presso scuole paritarie che abbiano predisposto e personalizzato il proprio modello.

Tale procedura, inoltre, è accessibile anche a chi vuole iscriversi ai Centri di Formazione Professionale (CFP) delle Regioni che hanno aderito all’accordo con il Ministero. In tal senso, è possibile scegliere il percorso desiderato, elencando in ordine prioritario tre opzioni che, nel caso di istruzione superiore possono indifferentemente riguardare l’istruzione statale e/o l’istruzione e la formazione regionale presso le scuole statali (modalità sussidiaria) o presso i CFP.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it