Arte, cultura e spettacolo

L’Oriana e la sua forte personalità arrivano in tv

Il 16 e il 17 febbraio andrà in onda la fiction in due puntate su Oriana Fallaci

Questo articolo è stato visualizzato 1.356 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

L’Oriana e la sua forte personalità arrivano in tv
Antonella Tomaselli

Il piccolo schermo porta all’attenzione del pubblico la storia dell’inimitabile Oriana Fallaci. “L’Oriana”, che avrà il volto di Vittoria Puccini, sarà la mini serie tv che andrà in onda lunedì 16 e martedì 17 febbraio su RaiUno, per la regia di Marco Turco. Tutti la ricordano grazie alle foto dei suoi ultimi anni di vita, in cui è ritratta con occhiali da sole, un grande cappello e l’immancabile sigaretta. Chi ha avuto la fortuna di conoscerla, invece, la ricorda anche per il suo carattere, alquanto difficile.
La sua fu una vita straordinaria, di cui soprattutto i più giovani sanno pochissimo o magari quel che sanno è per via delle cose che scrisse e disse dall’11 settembre 2001 in poi e che furono oggetto di critiche e polemiche. Nata nel 1929 a Firenze, si sentiva più fiorentina che italiana, in quanto come lei stessa ha dichiarato: «non è la stessa cosa».

Dimostrò il suo coraggio già all’età di 14 anni, quando affiancò il padre, entrato nella Resistenza, in varie operazioni e fece da staffetta consegnando ai compagni partigiani armi, giornali clandestini e messaggi.
Sapeva bene chi sarebbe diventata da “grande” e, come si apprende dal sito web oriana-fallaci.com , la scrittura è sempre stata la sua passione: «Io più che il giornalista ho sempre pensato di fare lo scrittore. Quando ero bambina, a cinque o sei anni, non concepivo nemmeno per me un mestiere che non fosse il mestiere di scrittore». Tuttavia il bisogno di denaro l’ha portata a coltivare il rapporto con la carta stampata, tant’è che ancora oggi è la giornalista italiana più apprezzata e conosciuta al mondo.  Fu una delle prime donne a farsi strada in un mondo che fino ad allora alle donne sembrava precluso: chiese di essere inviata in Vietnam e fu l’unica giornalista italiana presente al fronte.

Nel corso della sua carriera riuscì a intervistare molti degli uomini più potenti della terra, come Yassir Arafat, lo storico leader palestinese, Nguyễn Văn Thiệu,  generale e politico vietnamita, Mu’ammar Gheddafi,  militare e politico libico.
Celebre inoltre la tecnica con cui la Fallaci conduceva le sue interviste, paragonate a un vero e proprio interrogatorio. Le domande venivano preparate e studiate a tavolino nei minimi dettagli, registrate, e poi scritte e riscritte più volte, smontate e poi rimontate.
Una donna complessa, forte e determinata che non si piegò nemmeno dinanzi alla malattia che la colpì nel 1992 e anche per questa ragione il regista de “L’Oriana” avrà affrontato un’interessante sfida. Concentrare in poche ore la storia di una donna che ha fatto la Storia non dev’essere stato semplice. Non ci resta dunque che aspettare la messa in onda della mini fiction per vedere i risultati di tale lavoro.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it