Politica regionale

La città metropolitana è fatta, ora servono cittadini metropolitani

Questo articolo è stato visualizzato 1.673 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

La città metropolitana è fatta, ora servono cittadini metropolitani
Antonella Tomaselli

Dal 1 gennaio 2015 gli enti provinciali di dieci capoluoghi italiani sono stati sostituiti con le città metropolitane. Si tratta di enti locali territoriali previsti dall’art. 114 della nostra Costituzione, secondo il quale “La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato”. Il percorso storico e legislativo legato a tale ente risale al 1990, tuttavia solo con la recente legge n. 56 del 17 aprile 2014 in merito alle “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni” la città metropolitana è stata regolamentata in qualità di ente di vasta area.

La suddetta legge, nota anche come la Legge Delrio, oltre a ridefinire i confini e le competenze delle amministrazioni locali, ha previsto l’istituzione di dieci città metropolitane nelle regioni a statuto ordinario. Roma Capitale, Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli e Reggio Calabria, sono queste le città interessate, i cui confini coincidono con quelli delle ex province omonime.
Come è possibile apprendere dal dossier di presentazione pubblicato sul sito del Governo, le città metropolitane hanno l’intento di sviluppare in modo strategico il territorio metropolitano e soprattutto di promuovere e gestire i servizi, le infrastrutture e le reti di comunicazione di interesse della città metropolitana.
Per raggiungere tali scopi è necessario trasmettere ai cittadini la cultura metropolitana, sia per far sentire la nuova realtà territoriale come un’entità meno sconosciuta e sia per creare nuove relazioni sociali ed economiche.

E’ un cambiamento a cui dobbiamo essere pronti e per questa ragione, nella ormai ex provincia di Bari, si susseguono gli incontri per far conoscere il nuovo ente locale.
Ad esempio, lo scorso 14 marzo, presso la Biblioteca Comunale del Comune di Turi, si è tenuto l’incontro pubblico “Dalla Provincia all’Area Metropolitana: il cambiamento”.
Mentre presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” si sono svolti quattro seminari nel corso del mese di marzo con tema “Bari Metropolitana. La città delle città”.
Dunque bisogna intendere la città metropolitana come una condizione dell’abitare, la quale va al di là dell’idea di metropoli a cui siamo abituati a pensare. In questo modo si generano città piene di persone e non di individui. Il vero cittadino metropolitano perde così la sua individualità a vantaggio della sua personalità.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica regionale

Dal Piemonte alla Puglia, tutti vogliono l'autonomia: "Inizia l'epoca del neoregionalismo"?

Puglia autonoma? Il governatore Emiliano annuncia che farà richiesta

Daniele D'Amico25 ottobre 2017
La Regione Puglia aiuta le aziende agricole

Regione Puglia: cinque milioni per le imprese colpite dalla Xylella

Daniele D'Amico8 agosto 2017
Puglia all’avanguardia in Italia

Regione Puglia all’avanguardia: un centro per l’infanzia nella sede esecutiva

Daniele D'Amico4 agosto 2017
La regione Puglia aiuta le persone che non riescono a pagare l'affitto

Puglia, 15 milioni di euro per il sostegno agli affitti

Daniele D'Amico18 luglio 2017

Mega concerto per il SI’ al Referendum

Mariangela Lomastro11 aprile 2016

Vendola rinviato a giudizio per l’Ilva, ma tutti parlano solo del figlio

Vincenzo Demichele6 marzo 2016

Così ammazzano la sanità in Puglia: chiudono altri 9 ospedali

Vincenzo Demichele23 febbraio 2016

Referendum anti-trivelle, si vota il 17 aprile. No all’election day, sprecati 300 milioni

Vincenzo Demichele17 febbraio 2016

Puglia, 100 mila euro spesi dalla regione per la traslazione di Padre Pio a Roma

Vincenzo Demichele9 febbraio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it