Arte, cultura e spettacolo

Il disegno melodico della musica indiana

Il disegno melodico della musica indiana

sageerkhandi Lucia Schiraldi
Domenica 22 marzo, l’associazione culturale “MANOnMANI” – Centro Studi Yoga e Discipline Orientali di Bitonto proporrà un interessante viaggio nelle atmosfere indiane, che avrà come protagonista Sageer Khan, uno dei più famosi interpreti di sitar, trasferitosi in Puglia diversi anni fa con l’intento di divulgare le essenze della tradizione musicale indiana.

Rappresentante della quinta generazione di un’antica famiglia di famosi musicisti della corte del Maharaja dell’India, Khan non solo allieterà la serata con i suggestivi e vibranti suoni del sitar, col canto ed il ritmo delle tablas (strumento a percussione consistente in due tamburi di diverse dimensioni), ma fornirà anche un’attenta spiegazione su quelle che sono le peculiarità dell’affascinante musica indiana.

Questa, infatti, prende le mosse dai cosiddetti swara, note musicali indiane la cui origine sarebbe da ricercarsi nei suoni prodotti dagli animali e dagli uccelli; partendo dagli swara primari (sette, come nella musica occidentale) la musica indiana riconosce un totale di 22 toni, di cui però soltanto 12 sono facilmente distinguibili all’orecchio umano o, se vogliamo, a quello occidentale, poco allenato alle piccolissime variazioni di frequenza delle note principali (Sa, Re, Ga, Ma, Pa, Dha, Ni).

Le note possono essere raggruppate in diversi modi possibili, dando vita così ad altrettanti raga, ovvero particolari strutture musicali che seguono precise regole ritmiche e melodiche e che, soprattutto, possiedono inclinazioni diverse a seconda dello stato d’animo che si vuole comunicare; esistono, infatti, i raga del mattino, quelli del pomeriggio o della sera e di altri particolari momenti del giorno o di una stagione, ma tutti quanti, secondo la tradizione, donano un effetto terapeutico e riequilibrante al corpo e alla psiche.

Similmente all’occidentale canto gregoriano, il raga è caratterizzato da una particolare attenzione al ritmo e trae origine dalle sacre scritture, i Rig veda, favorendo la meditazione e l’interiorizzazione delle parole cantate; si dice, infatti, che questi testi sacri fossero stati tramandati oralmente sin dall’antichità sotto forma di inni dai cosiddetti rishi, cantori ispirati cui si riconduce anche l’insegnamento dello yoga agli uomini; niente di più simile agli aedi e ai rapsodi dell’antica Grecia, ai bardi del popolo celtico o ai griot delle terre dell’Africa occidentale.
Il concerto-lezione di Sageer Khan inizierà alle ore 20:00 e sarà seguito da una degustazione di cibi indiani: una bellissima occasione per entrare in contatto con una realtà molto diversa dalla nostra, ma molto stimolante e carica di energia.
L’ingresso è aperto a tutti, previa prenotazione entro il giorno 19 alla responsabile del Centro MANOnMANI, Anna De Palma.

Tel: 3336699832
E-mail: info@manonmani.it
Facebook: Manonmani Centro Studi Yoga e Discipline Orientali

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it