Cronaca nazionale

Parma Calcio: arrestato il presidente Manenti

Perquisizioni in corso in tutta Italia, in manette ventidue persone che gli inquirenti considerano una "pericolosa organizzazione criminale" dedita al riciclaggio e alla frode telematica.

Questo articolo è stato visualizzato 892 volte. Leggi altri articoli di: Pierfrancesco Caira.

Parma Calcio: arrestato il presidente Manenti
Pierfrancesco Caira

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno tratto in arresto Giampietro Manenti, presidente del Parma Calcio, su ordine della Procura di Roma, nell’ambito di un’operazione denominata “GFB-Oculus” e condotta dal Nucleo Polizia Tributaria della Capitale, che ha portato in manette un totale di ventidue persone, inclusi alcuni dipendenti pubblici. I reati contestati sono diversi, fra di essi la frode informatica, il reimpiego di capitali illeciti e l’autoriciclaggio (con l’aggravante mafiosa), reato di recente introdotto nel codice penale con la Legge 15/12/2014, n. 186. Secondo quanto riferito dagli inquirenti in conferenza stampa, Manenti fa parte di una “pericolosa organizzazione criminale” specializzata in reati di frode informatica sia in Italia che all’estero, nel riciclaggio di capitali di provenienza illecita e nell’utilizzo di carte di credito clonate; nello specifico, il Parma Calcio era considerato un mezzo ideale per riciclare denaro tramite versamenti per “motivi di merchandising”.

Sono ancora in corso le perquisizioni in uffici e abitazioni in tutta Italia, fra i complici anche dei funzionari di banca pagati per insabbiare le operazioni di hackeraggio. In base a quanto emerso dalle intercettazioni telefoniche, Manenti avrebbe dovuto mettere a disposizione del gruppo il canale tramite cui riclare la somma di 4,5 milioni di euro, intascandone la metà come compenso personale. A quanto risulta, inoltre, sullo stesso Manenti gravano svariate accuse precedenti ai fatti in questione: bancarotta semplice, possesso di armi, lesioni, tentata estorsione e violazione degli obblighi familiari. Questo tuttavia è solo l’ultimo capitolo, in ordine cronologico, delle peripezie che la società sportiva emiliana sta affrontando in questi ultimi anni, Alessandro Lucarelli, capitano del Parma, ha dichiarato: “Mi auguro che prima o poi tutto questo finisca perché onestamente non ne possiamo più. […] Obiettivamente è tutto uno schifo.”. Riesce davvero difficile dargli torto.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca nazionale

city toys

City toys, in cinque dovranno rispondere per concorso in truffa continuata

Antonio Catacchio1 ottobre 2016

Scuola, al via il primo giorno. Arrivederci estate…..

Daniele D'Amico12 settembre 2016

Omicidio di Corsico: l’assasinio di Iulian Razvan Laszlo

Antonio Catacchio22 giugno 2016
Antitrust

Antitrust e GdF: stop a 174 siti

Pierfrancesco Caira18 marzo 2016

Farmacie Puglia: assegnazioni nuove sedi dal 31 gennaio

Antonio Catacchio29 gennaio 2016

Trivellazioni, sì della Consulta al referendum

Vincenzo Demichele22 gennaio 2016

Primo interpello concorso sedi farmaceutiche

Antonio Catacchio13 dicembre 2015

Concorso Straordinario Farmacie Regione Puglia

Mariangela Lomastro19 ottobre 2015

Chiesa e Sinistra: quasi amici

Ricky Violante16 ottobre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it