Istruzione & Scuola

Dopo la laurea, da dove inizio a cercare lavoro?

Dopo la laurea, da dove inizio a cercare lavoro?

lavoro-post-laureadi Francesca Cataldo
Il problema attuale che attanaglia le nuove generazioni, si sa, è il lavoro. La disoccupazione giovanile ha raggiunto livelli esorbitanti e questo dato diventa ancor più inaccetabile quando alle spalle si hanno lauree, specializzazioni, corsi di perfezionamento, master. Ma noi studenti dell’Università degli studi di Bari Aldo Moro, come ricerchiamo occupazione dopo la laurea? Dopo aver conseguito il tanto agognato titolo e aver indossato la fatidica corona d’alloro, da dove iniziamo a muovere i primi passi nel mondo del lavoro? Questi sono gli interrogativi che quotidianamente balenano nelle menti dei nuovi dottori che, però, per il più delle volte sono inconsapevoli di ciò che l’università può offrire.

Abituati all’idea che l’istituzione universitaria sforni esclusivamente menti omologate e standardizzate, spesso dimentichiamo i tre step che questa deve compiere: orientamento iniziale, formazione in itinere (quindi, conseguimento del titolo), orientamento post laurea. E’ questo ultimo step che spesso non consideriamo, o meglio ne ignoriamo l’esistenza. Eppure in ateneo c’è un ufficio interamente dedicato a questo servizio. Pochi sanno che l’ufficio Orientamento al lavoro e Job Placement offre un servizio di orientamento in uscita completamente gratuito e altamente professionalizzato, il cui il team, composto da psicologi del lavoro ed esperti in reclutamento, garantisce un servizio di consulenza individualizzata per l’inserimento nel mercato del lavoro.

Oltre a offrire consulenze specializzate, il team settimanalmente organizza dei Job Day in cui i laureati entrano direttamente in contatto con le aziende autocandidandosi per le posizioni aperte, laboratori formativi su come creare un buon CV, su come prepararsi per un colloquio di lavoro o su come fronteggiare le varie fasi di selezione. Un ulteriore importante servizio offerto riguarda la possibilità di attivare stage post laurea in Italia o all’estero, retribuiti secondo quanto attiene la normativa regionale, presso aziende convenzionate con l’università. Il servizio, attivo tutti i giorni della settimana, vuole essere un punto di riferimento per i laureati che si ritrovano di fronte al grande buco nero del futuro.
Di sicuro non si tratta di un ufficio di collocamento o di un’agenzia di lavoro, ma se è un nostro servizio, perchè non utilizzarlo?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Istruzione & Scuola

Liceo Tedone a Montecitorio (1)

Ruvo di Puglia: il Liceo Scientifico “O. Tedone” riscrive la Costituzione

Tiziana Di Gravina3 giugno 2018
Mattarella inaugura l'anno scolastico a Taranto

Tempo di scuola, Mattarella: «istruzione veicolo di mobilità sociale»

Daniele D'Amico18 settembre 2017
Social Network

Social network e istruzione: didattica e comunicazione si rinnovano

Daniele D'Amico30 gennaio 2017

Polemica tasse UniBa, gli studenti sono vittime o colpevoli?

Vincenzo Demichele16 settembre 2016

Uniba, cattedra in storia delle mafie. Perchè no?

Vincenzo Demichele4 agosto 2016

Smettiamola: Il Medioevo non è sinonimo di decadenza e crisi

Vincenzo Demichele26 giugno 2016

Un’ alternativa all’ Università in Puglia? Ecco a voi gli ITS

Valentina Ferri4 maggio 2016

La Grotta dei Cervi (Lecce), il più imponente complesso pittorico del Neolitico europeo

Vincenzo Demichele29 febbraio 2016
Scuola

Mobilità scuola 2016: a metà marzo le domande online

Daniele D'Amico11 febbraio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it