Informatica & web

Stress da lavoro: come riconoscerlo?

Stress da lavoro: come riconoscerlo?

stress-lavorodi Francesca Cataldo
Sempre più spesso si sente parlare di stress da lavoro. Ma effettivamente cosa si intende con questo termine? Lo stress da lavoro viene sperimentato da quelle persone che sentono le richieste del mondo lavorativo superiori a quelle che sono le loro capacità di fronteggiarle. In Europa questa condizione sembra interessare almeno un lavoratore su quattro e una delle conseguenze più negative per le aziende è l’assenteismo che provoca ritardi nello svolgimento quotidiano delle mansioni e ovviamente perdite economiche ingenti.
Le cause possono essere diverse: lavoro eccessivamente impegnativo, richieste contrastanti, comunicazione inefficace, tempo a disposizione insufficiente per portare a termine le mansioni, organizzazione del team mal gestita, mancanza di supporto da parte della dirigenza e dei colleghi. Persone sotto stress da lavoro correlato arrivano a pensare di essere sbagliate e inadeguate e di dover lasciare il lavoro perché inabili.

Dal 2009 è diventato obbligatorio per le aziende valutare lo stress lavoro correlato e dal 2010 effettivo. Tutti i datori di lavoro hanno dovuto esaminare lo stato di salute dei propri dipendenti attraverso l’ausilio di medici e psicologi del lavoro, per garantire i diritti fondamentali del lavoratore ed assicurare un luogo professionale e sano che non sia fonte di stress, conseguentemente, di danno per il soggetto stesso. Nell’ambito delle iniziative dell’Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro, come Società Italiana Psicologi del Lavoro e delle Organizzazioni, è stata promossa la campagna di diffusione e comunicazione “Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro correlato 2014-2015”. Questa campagna offre sostegno e orientamento a lavoratori e datori di lavoro nella gestione dello stress lavoro-correlato e dei rischi psicosociali, e promuove l’uso di strumenti semplici e pratici per agevolare tale azione.

Finalità ultima è quella di far comprendere come lo stress sia il secondo problema di salute legato all’attività lavorativa più frequente in Europa e, insieme ad altri rischi psicosociali, si pensa sia la causa di oltre la metà (50-60 %) di tutte le giornate lavorative perse. A tal proposito sono previsti, a Bari, micro laboratori che vedranno coinvolti diversi target di lavoratori e anche un piccolo gruppo di studenti che rifletteranno sul tema Sicurezza e Stress da lavoro, che inizieranno nel mese di maggio e che poi si protrarranno anche dopo lo svolgimento del workshop.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Informatica & web

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it