Arte, cultura e spettacolo

Agenzie di scouting, una realtà anche a Bari

Agenzie di scouting, una realtà anche a Bari
Mariangela Lomastro

newfacesdi Mariangela Lomastro
Prende sempre più piede anche al Sud, ed in particolare a Bari, il ruolo delle agenzie di scouting nei settori di moda/televisione/spettacolo, ovvero una sorta di intermediazione nel mondo dello spettacolo tra gli aspiranti artisti e i “clienti”. Uno dei casi più significativi è quello di New Faces.
Il tutto nasce da una esigenza riscontrata dal testimonial Franco Battaglia: aiutare tutti quei ragazzi che arrivavano a Milano con la voglia di fare gli attori/modelli/cantanti ma poi si scontravano con una realtà troppo grande per loro. Nel 1994 Battaglia fonda così a Milano l’agenzia, che oggi ha sedi anche a Bologna, Firenze, Roma, Budapest e da un anno e mezzo anche a Bari.

Per capire il fenomeno di cui stiamo parlando, basti pensare che pervengono ogni anno circa 60.000 richieste da parte di ragazzi e ragazze da tutta Italia. Solo da Puglia e Basilicata, arrivano in media 5.000 richieste l’anno.
Ma quali sono gli scopi di queste agenzie? Sicuramente quello di permettere a nuovi volti selezionati di entrare nel difficile e competitivo mondo dello spettacolo, nei campi della moda, della televisione e del cinema. Affinché ciò sia possibile, l’agenzia seleziona e prepara i nuovi talenti affinché siano “proponibili” ai clienti come nuove figure professionali dello spettacolo e della moda. Gli aspiranti artisti compilano, tramite il sito internet, un primo modulo di contatto che viene ricevuto dalla sede principale di Milano. L’età media dei ragazzi è 19 anni, ma si parte dai 14 in su. L’Ufficio selezione, sulla base della zona di appartenenza, destina il contatto all’agenzia più vicina geograficamente, che organizza il provino.

In questa sede non si pretende che i ragazzi sappiano fare nulla in particolare, ma si cerca di capire se posseggono le caratteristiche basilari per intraprendere una determinata carriera artistica. Ai candidati vengono fatte alcune domande, si scattano delle foto e si fa un breve filmato. Tutto questo materiale ritorna all’Ufficio Casting di Milano che rivede l’intero provino. Solo se c’è l’ok dell’Ufficio Casting il candidato viene richiamato per approfondire il percorso.
Ma l’approfondimento in cosa consiste? I ragazzi nel 95% dei casi non sanno fare nulla, hanno solo un sogno in tasca. Vanno dunque formati. L’agenzia, tramite la propria Accademia di Formazione, propone un percorso personalizzato per ciascun candidato per creare le competenze necessarie ad intraprendere una determinata carriera. E i corsi ovviamente sono a pagamento.
La forza di queste agenzie allora qual è? Quella di avere un portafoglio clienti ampio e di spessore. Nel caso esaminato, contiamo quasi 200 clienti tra cui Armani Junior, Cavalli, Chicco, Fiat, L’Oréal, Lufthansa, Mac Donald’s, Mediaset, SKY TV, etc.
Sono proprio i clienti a richiedere all’agenzia volti nuovi per i propri casting. L’agenzia propone i propri candidati selezionati sulla base delle caratteristiche richieste dal cliente. Se il provino va a buon fine e il candidato ottiene il lavoro, all’agenzia spetta una certa percentuale sull’ingaggio.
Ma i genitori che ne pensano? Il 90% sono contrari alle aspirazioni artistiche dei propri figli, mentre un 10% sono a dir poco esaltati all’idea. In ogni caso, per chi decide di intraprendere questa strada tutta in salita, il percorso tramite le agenzie di scounting è meno difficoltoso senza dubbio, anche se ha i suoi costi. Genitori e figli avvisati.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018
Pierfrancesco Favino

Bifest 2018: Pierfrancesco Favino e l’essenza dell’attore

Tiziana Di Gravina22 aprile 2018
festival del cinema europeo

FceLecce 2018: il Miglior film è della francese Marie Garel-Weiss

Tiziana Di Gravina15 aprile 2018
Kim Rossi Stuart

I protagonisti e gli eventi speciali del Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina14 aprile 2018
Michael Winterbottom

Ulivo d’Oro alla Carriera per Michael Winterbottom

Tiziana Di Gravina12 aprile 2018
Nico Cirasola al Festival del cinema europeo

Nico Cirasola apre il 19° Festival del cinema europeo

Tiziana Di Gravina11 aprile 2018
Michele Pinto

“In Vino Veritas”, il trailer della quarta webserie di Michele Pinto

Tiziana Di Gravina4 aprile 2018
Dentro il mare di Leonardo Dell'Olio

Rifugio e rinascita in “Dentro il mare” di Leonardo Dell’Olio

Tiziana Di Gravina26 febbraio 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it