Arte, cultura e spettacolo

Progetto Solar Impulse: il giro del mondo con l’energia pulita

Progetto Solar Impulse: il giro del mondo con l’energia pulita
Federica Bartoli

solarimpulsedi Federica Bartoli
I dati emersi dall’ultimo rapporto pubblicato dall’IPCC (gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico) e presentati a Copenaghen lo scorso novembre non sono affatto confortanti: il clima sta mutando in maniera sempre più sostanziosa, ci sono ancora speranze di contenere il fenomeno, ma il tempo a disposizione si riduce drasticamente e i vari Paesi sono invitati ad intervenire repentinamente ed in modo efficace.

Il dito è puntato in primis contro la grande responsabile del surriscaldamento globale, l’anidride carbonica, così indispensabile per i processi di fotosintesi, ma cosi dannosa se emessa in quantità eccessivamente elevata nell’atmosfera.
Il rapporto IPCC ha rivelato quanto sia consistente il tasso di CO2 e di altri fattori inquinanti presenti nell’atmosfera e quanto le conseguenze negative sull’intero pianeta siano già in una condizione piuttosto avanzata: la calotta polare continua sensibilmente a diminuire le sue dimensioni, il livello delle acque oceaniche continua ad elevarsi, così come si intensifica il tasso di acidificazione delle stesse, fenomeni climatici già estremi come cicloni e uragani aumentano di molto la loro potenza distruttiva (il ciclone Pam ha distrutto l’arcipelago di Vanuatu nel Pacifico il 13 marzo), senza contare i danni ai vari ecosistemi, flora e fauna minacciate, biodiversità compromessa.
Stando alle misure che i Paesi dovranno adottare per evitare che la temperatura sulla Terra si incrementi di altri 2°C è emerso che entro il 2050 le emissioni di gas serra dovranno essere drasticamente ridotte, si stima di almeno il 40%, di modo tale che nel 2100 tali emissioni siano totalmente abolite.
Ciò vuol dire che l’utilizzo dei combustibili fossili, fonti primarie della produzione di energia mondiale e caposaldo del sistema economico dei paesi industrializzati e in via di sviluppo, dovrà essere fortemente ridimensionato fino a quando esso non verrà completamente accantonato non oltre la fine del XXI secolo.
Le fonti di energia rinnovabili rappresentano l’unica “alternativa” possibile al conseguimento dell’obiettivo fissato, insieme con il reale impegno da parte dei Paesi maggiori produttori di CO2.

La peculiarità delle rinnovabili risiede nella loro disponibilità pressoché inesauribile (se pur definita aleatoria, come nel caso dell’energia solare) nonché nella totale mancanza di agenti inquinanti, da qui la definizione di “fonti di energia pulita”.
Si discute però in merito alla reale capacità delle rinnovabili di sopperire al fabbisogno energetico mondiale, nonché circa gli elevati costi di produzione e di investimento nei confronti delle tecnologie.
Lo scenario pessimistico e preoccupante della situazione del pianeta unito alla volontà di sensibilizzare la comunità internazionale rappresenta la motivazione alla base di un progetto avanguardistico promosso dal Politecnico Federale di Losanna.
Bertrand Piccard e Andrè Boshberg hanno dato il via, il 9 marzo scorso, ad un’impresa storica: il giro del mondo a bordo del velivolo ultraleggero Solar Impulse 2 senza l’ausilio di alcun genere di carburante.
Il Solar Impulse 2 è interamente realizzato in fibra di carbonio, vanta un’apertura alare di ben 72 metri e un peso di appena 2,3 tonnellate; il suo volo è reso possibile grazie all’istallazione di oltre 17 mila celle fotovoltaiche che consentono il trasferimento di energia a quattro motori elettrici ed oltre 600kg di batterie caricate in modo da permettere il volo anche quando l’energia solare non è disponibile, di notte o in presenza di cielo coperto.
La missione durerà circa 25 giorni effettivi distribuiti in 5 mesi, durante i quali i due avventurieri sorvoleranno i cinque continenti passando per l’India, la Birmania, la Cina, gli Stati Uniti, ma anche Africa settentrionale e il Mediterraneo.

Piccard proviene da una famiglia di scienziati ed esploratori: suo padre Jacques è stato il primo uomo ad inabissarsi nelle profondità estreme della Fossa delle Marianne a bordo del Batiscafo Trieste, Bertrand stesso ha compiuto il giro del mondo a bordo di un Pallone Aerostatico ed ora è impegnato, insieme ad Andrè Boshberg, nel progetto del Solar Impulse al quale ha iniziato a lavorare 13 anni fa.
Yoga e autoipnosi sono stati fondamentali nella preparazione fisica e psicologica dei due piloti che potranno concedersi pause di appena 20 minuti e che hanno in programma una tappa di volo (dalla Cina alle Hawaii) della durata consecutiva di 5 giorni.
Se a Lima non sono mancati perplessità e dubbi, l’incontro di Parigi sui cambiamenti climatici che avrà luogo a dicembre potrà cominciare con l’auspicio positivo di un accordo storico stipulato tra Stati Uniti e Cina: infatti i responsabili del 45% delle emissioni mondiali di CO2 si sono impegnati a ridurre notevolmente il tasso di anidride carbonica sprigionata in atmosfera.
Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni del 25-28% entro il 2025, mentre la Cina ricaverà il 20% della sua energia da fonti rinnovabili e alternative entro il 2030.
È opinione condivisa che la maggior parte della responsabilità del danno ambientale sia da imputare ai paesi più industrializzati e ricchi, il cui processo di sviluppo procede dal secolo scorso, mentre c’è chi ritiene penalizzante limitare i paesi in crescita dato che questa stessa crescita non può prescindere dall’utilizzo di risorse fossili e dunque inquinanti.
Nel frattempo, un aereo ultraleggero dalle dimensioni maggiori di un Boeing 747 sorvola il pianeta senza procurare ad esso il minimo danno.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it