Cronaca

#iovotopendata: un impegno rivolto ai nuovi Sindaci

#iovotopendata: un impegno rivolto ai nuovi Sindaci
Mariangela Lomastro

iovotopendatadi Mariangela Lomastro
Quale momento migliore di quello delle elezioni per poter chiedere un impegno da parte dei neo Sindaci della Regione Puglia? È quello che hanno pensato i sostenitori del progetto Open Puglia, un progetto che vede coinvolti ingegneri, informatici, esperti e professionisti provenienti da varie parti della Puglia e che promuovono nella Regione la cultura degli Open Data.

I dati aperti sono ritenuti infatti un potenziale mezzo per cambiare le modalità con cui in generale la pubblica amministrazione si rapporta ai cittadini di un territorio. Possono in altre parole ridisegnare il rapporto tra cittadini di un territorio e chi quel territorio lo amministra.
I dati aperti sono un pezzo importante di questo percorso, in quanto è anche attraverso i dati che è possibile favorire la trasparenza della azione di una pubblica amministrazione. I dati infatti raccontano le politiche che vengono effettuate da chi amministra, dando ai cittadini e alle imprese di quel territorio uno strumento in più per conoscere e monitorare le politiche pubbliche e l’operato delle pubbliche amministrazioni.
Ma Open Data non sono solo uno strumento per poter favorire la trasparenza delle pubbliche amministrazioni ma possono costituire anche una interessante opportunità per il territorio. Sappiamo infatti quanto i dati siano sempre più utilizzati per generare nuovi servizi alle aziende e ai cittadini che in quel territorio ci lavorano e ci abitano.

Open Puglia ha quindi lanciato una iniziativa dal nome #iovotopendata in cui è stato chiesto a tutti i candidati Sindaco di sottoscrivere un impegno per sostenere il rilascio di dati aperti nel proprio comune in caso di elezione. E’ un invito che Open Puglia ha rinnovato ai neo eletti sindaco e ai candidati che si sfideranno al ballottaggio il prossimo turno del 14 e 15 giugno (http://iovotopendata.openpuglia.org/).
Ad oggi, dei 34 Sindaci eletti solo due hanno sottoscritto l’invito di Open Puglia (Comuni di Calimera e Veglie) e nessuna adesione è arrivata dai 23 candidati nei prossimi ballottaggi. Che dire…la speranza è che non appena ultimati i festeggiamenti per le neo nomine, tutti i nuovi Sindaci prendano in considerazione la tematica sugli Open Data perchè costituisce una concreta possibilità di sviluppo del territorio e di miglioramento del rapporto tra la pubblica amministrazione e i cittadini.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it