Cronaca

Salvaguardiamo il made in Italy

Parte la crociata per l'etichetta del marchio di provenienza

Questo articolo è stato visualizzato 615 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Salvaguardiamo il made in Italy
Francesco Tiberio

Secondo il regolamento europeo, non vige l’obbligo di riportare sull’etichetta dove siano stati prodotti e da quale aziende, gli alimenti che consumiamo giornalmente. Il non obbligo che indica l’Europa come volontario non è tassativo, ma si scontra però con la legislazione italiana (legge 109/92), ed in seguito abrogata il 13 dicembre dalla legislazione europea. Questo regolamento europeo, adesso colpisce pesantemente i nostri prodotti ed il Made in Italy, proprio per l’impossibilità di rintracciare sulle etichette, la provenienza dei prodotti.

Già il gruppo Conad si dimostrò molto attivo nel voler lottare contro l’ingarbugliato e ostile regolamento dell’Europa: “La proposta che pensiamo è di ripristinare in modo volontario l’indicazione del luogo di produzione e di lavorazione di ogni prodotto a marchio” spiega il portavoce del gruppo, Francesco Pugliese “Ma l’obiettivo è di estendere questa modalità a tutto il mondo dell’industria. È un’operazione d’informazione politica che dobbiamo vincere a tutti i costi per difendere la produzione Made in Italy” Si è chiesta una presa di posizione dal Governo italiano, affinché faccia pressione contro la decisione presa a Bruxelles. Ma, il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, pur condividendo la richiesta, si è limitato a girare il problema al dicastero dello sviluppo economico.

Giorgio Santambrogio, Adm del gruppo Vege, inoltre sottolinea “Ci sono molte aziende con sede legale all’estero, pero’ mi aspetto che il Consiglio, prenda una decisione” e conclude “l’obiettivo di questa battaglia è la trasparenza!

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
arrestospada

Roberto Spada arrestato dopo l’aggressione alla troupe di Nemo

Francesco Tiberio13 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
sanremo

Sanremo 2017, trovato morto Piero Petrullo

Mariangela Lomastro8 febbraio 2017
magistrati-anm

Si apre l’anno giudiziario. L’Anm non ci sta e diserta

Francesco Tiberio27 gennaio 2017
natale

Natale 2016: Tra mercatini e vandalismo

Francesco Tiberio19 dicembre 2016
bolkestein

La direttiva Bolkestein e il commercio su aree pubbliche

Francesco Tiberio6 dicembre 2016
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it