Arte, cultura e spettacolo

Scorrano (LE): torna l’evento più luminoso dell’anno

Scorrano (LE): torna l’evento più luminoso dell’anno

S.ta-Domenica-Scorrano-2011di Francesca Cataldo
La bella stagione è entrata nel vivo e nel Salento quando si parla d’estate è difficile, se non impossibile, non citare i tanti, tantissimi eventi che puntualmente vanno in scena regalando ai turisti uno spettacolo da ammirare sotto le stelle. Tra gli innumerevoli appuntamenti che costellano il panorama culturale di questa terra, le feste patronali rappresentano senza dubbio un capitolo a parte. Non esiste paese o frazione che non si ‘tiri a lucido’ almeno una volta all’anno in onore del suo Santo patrono.

Gli ingredienti di queste ricorrenze che hanno radici antichissime sono sempre gli stessi: le imponenti luminarie fatte di una miriade di piccole luci colorate che illuminano le stradine del centro storico, i fuochi pirotecnici attesi da grandi e bambini con il naso all’insù, la banda musicale, le bancarelle che vendono ogni sorta di mercanzia, le giostre, la sentita processione rigorosamente dietro la statua che si snoda per le strade del paese, le noccioline, le preghiere, la musica dal vivo, il ‘vestito buono’ da indossare per l’occasione. Non esiste nulla di simile che riesca ad unire in un mix perfetto sacro e profano, devozione e divertimento, fede e  folklore.
Se c’è una festa che incarna più delle altre tutto questo, è senza dubbio quella di Santa Domenica a Scorrano, l’unica ad essere ogni anno sempre diversa pur essendo uguale da sempre.  Mancano pochi giorni ormai. Nel piccolo comune alle porte di Maglie si lavora incessantemente giorno e notte da mesi perché  – come consuetudine vuole – la prima settimana di luglio tornerà ad accendersi quella che da tutti è considerata la madre di tutte le feste. Scorrano – Santa Domenica è un binomio che si perde nella notte dei tempi e si ripete edizione dopo edizione. E anche nel 2015 non poteva essere diversamente: dal 4 al 9 luglio,  l’appuntamento con la ‘tradizione’ che ha superato i confini locali diventando un evento in grado di richiamare migliaia e migliaia di persone provenienti da tutto il mondo torna a regalare uno spettacolo unico.

Merito, oltre che della fede religiosa che muove tutto questo, anche delle grandi architetture di luci che i ‘maestri Paratori’ realizzano in occasione della ricorrenza, spinti dalla grande devozione mista all’ingegno, alla tecnologia e all’artigianalità.
“L’Amore”, “Dna, Scienza e Vita”, “Il mito di Icaro” e “Antiche architetture, dai dolmen alla Piramide Maya” sono i temi che hanno ispirato quest’anno le maestose architetture di luce realizzate dai maestri “paratori” salentini. Opere di fine artigianato, trionfo di sfarzo barocco, sono realizzate rigorosamente in legno e arricchite con migliaia di luci colorate, led e laser per creare scenari mozzafiato in 3D (gallerie, archi, frontoni, palazzi, torri ecc.), forme tortuose o geometriche, disegni che sembrano giganteschi ricami colorati.
Da tempo immemorabile, infatti, Scorrano può vantarsi di essere la terra natia dei migliori maestri di luminarie del mondo (fam. Mariano e De Cagna) che esportano le loro opere luminose anche all’estero, creando grandi strutture di legno ricoperte da migliaia di lampadine colorate, ricreando, in tal modo, famosi monumenti di fama mondiale. Uno spettacolo, unico nel suo genere, che negli anni ha portato Scorrano a guadagnarsi il titolo di “Capitale mondiale delle luminarie”, regalando alla sua festa patronale una risonanza internazionale.
Già, perché tra gli spettatori ammutoliti di fronte alle imponenti strutture si ‘nascondono’ anche molti buyers che giungono a Scorrano per ammirare e conseguentemente commissionare le luminarie che abbelliranno le loro città, tra le più belle di tutto il mondo (Giappone, Stati Uniti, Germania, Paesi Bassi, Belgio, Corea e tanti altri).

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it