Arte, cultura e spettacolo

Picchiato a Polignano, ma “purtroppo”… non è gay!

Picchiato a Polignano, ma “purtroppo”… non è gay!
Antonio Catacchio

di Antonio Catacchio
In questi giorni di “celebratepride” in cui sono tanti i facebookiani pronti a dichiarare apertamente al mondo approvazione e sentimenti di condivisione e di appartenenza all’orgoglio “LGBT”, lo scoop del 38enne polignanese pestato che sta facendo il giro del mondo, parrebbe una vera e propria ciliegina sulla grande torta mediatica intitolata al richiamo della società civile che grida indignata: “Difendiamo la diversità“.

E’ quindi a distanza di poche ore dalla diffusione virale del filmato in rete, che assistiamo a quello che in gergo giornalistico si dice “far cucina” di uno scoop, da parte delle testate giornalistiche nazionali e persino estere!
Sei un ricchione di merda“, secondo quanto riportato da Repubblica, Il Giornale, Baritoday e Huffingtonpost, mentre più moderatamente hanno invece ripreso l’episodio rainews, TGcom24, La Stampa e Il Messaggero, senza far apertamente riferimento ai volgari epiteti pronunciati dagli aggressori, il che, parrebbe molto più professionale.

Il tam tam mediatico poche ore dopo la pubblicazione della notizia apparsa su Polignanoweb e i colleghi, da ogni regione d’Italia, si scatenano.

A quel punto, la flebile voce di Stefania Carboni (giornalettismo) si fa strada. Una delle pochissime testate giornalistiche telematiche a sollevare il dubbio.
Ma siamo proprio sicuri che si tratti di un caso di omofobia?

Riprendendo le parole di un articolo di un giornale locale, “Fax online”, che titola “Omoidiozia, lo scoop delle botte al gay si sgonfia, le botte dopo scherzi “idioti”” secondo cui: “L’omofobia non c’entra. Il 38enne polignanese brutalmente aggredito lunedì pomeriggio nel pieno centro di Polignano a Mare sarebbe stato picchiato per altri motivi al vaglio dei carabinieri.

Alcuni infatti parlano di una conoscenza e di una frequentazione abituale tra i tre individui, questo già non giustificherebbe un’aggressione omofoba, che nella stragrande maggioranza dei casi giurisprudenziali non sono connotate da rapporti di confidenza tra vittime e aggressori.

Ma allora perchè nonostante gli aggiornamenti locali e diretti, che hanno certamente una visione più completa ed obiettiva dell’accaduto, solo alcune delle testate citate si apprestano rapidamente a rettificare? In queste ultime ore, molti a dire il vero, stanno aggiornando i contenuti del “lancio” originario aggiungendo frasi del tipo: “E’ ancora poco chiaro se si tratti di un caso di omofobia“.
Il Comune di Polignano a Mare, potrebbe subire un danno da questa sorta di “pubblicità negativa”?
Evidentemente il momento è propizio per parlare di diversità e farlo, sbattendo il mostro in prima pagina, genera una ghiotta visibilità e traffico a cui nessuna delle testate più in vista e rispettabili riesce a rinunciare.
Una cosa è certa, nonostante le smentite e gli approfondimenti, come spesso accade in situazioni di questo genere, con molta probabilità, Polignano a Mare per i prossimi mesi, sarà ricordata nel parlare di piazza come della “città omofoba” più che del paese famoso per aver dato i natali a Domenico Modugno.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte, cultura e spettacolo
Antonio Catacchio
@tonykataklios

Nato a Bari nel freddo gennaio del 1979, non ha intrapreso esclusivamente l'Università della vita, come molti oggi vanno orgogliosamente sostenendo. Oltre a quella infatti si è anche laureato in giurisprudenza presso l'Università degli studi di Bari nel 2009 con una tesi in diritto penale dal titolo "La frode informatica". Dopo aver sostenuto gli scritti per l'esame di avvocato nel dicembre 2011, si inerpica come un dedalo, nella realizzazione di un magazine online iniziando a studiare SEO, SEM e aprendo account online su social media d'ogni genere per iniziare a carpirne funzionamento ed evoluzioni. Tra un lavoro occasionale ed un altro a tempo determinato, dirige e conduce gli aspetti organizzativi del progetto corrieredellepuglie.com, di cui è il maggiore artefice. Nel 2013 fonda insieme a Claudio Santovito, Roberto Loizzo e Teresa Manuzzi l'Associazione InformAEticaMente.it, editrice del corrieredellepuglie.com.

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it