Politica estera

La Cina si rinnova, “addio alla politica del figlio unico”

Provvedimento adottato nel 1979 come metodo di controllo demografico

Questo articolo è stato visualizzato 538 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

La Cina si rinnova, “addio alla politica del figlio unico”
Daniele D'Amico

Per il China Business News il governo potrebbe annunciarla entro fine 2015. Nessuna conferma ufficiale da parte di Pechino. Secondo le stime Onu, il Paese avrà quasi 440 milioni di over 60 entro il 2050.

Nei prossimi mesi la Cina abbandonerà la politica del figlio unico, che puniva con sanzioni pecuniarie i trasgressori. A riferirlo è il China Business News, citando un funzionario anonimo della Commissione nazionale per la Salute e la pianificazione familiare, convinto che l’annuncio da parte del governo potrebbe essere già dato alla fine del 2015 o al massimo all’inizio del prossimo anno.

A convincere il Governo a rivedere la controversa normativa, a favore di un nuovo regolamento che permetterebbe a tutte le coppie cinesi di avere almeno due figli, è l’invecchiamento della popolazione cinese, mentre il bacino della forza-lavoro si sta pericolosamente restringendo. E a questo si sommano i problemi sociali, economici e ambientali che ne derivano.

Cina: la gestione delle nascite

A marzo il primo ministro Li Keqiang aveva annunciato che il governo avrebbe “spinto per una riforma della gestione per il controlloCina delle nascite“. Ma interpellato dal China Daily, il governo si è limitato a dire che sull’argomento “non è ancora stato fissato un calendario”. La riforma rappresenterebbe il secondo allentamento consistente, in due anni, della politica di controllo demografico. Prima della sua introduzione alla fine degli anni Settanta esistevano anche alcune eccezioni che consentivano di avere più di un figlio alle famiglie appartenenti a minoranze etniche o alle coppie che vivevano nelle campagne il cui primo figlio era una bambina.

Nel 2013 a molte coppie cinesi, se uno dei genitori era figlio unico, è stato permesso di avere due figli, oltre un milione sono state quelle che ne hanno fatto richiesta. Tanto, ma non all’altezza delle stime della Commissione, che aveva previsto circa due milioni di richieste all’anno e significativamente al di sotto del tasso di natalità necessario per mantenere la popolazione costante.

Secondo le stime Onu il Paese avrà quasi 440 milioni di over 60 entro il 2050. Nel frattempo, la popolazione in età lavorativa – tra i 15 e 59 anni – è scesa di 3,71 milioni rispetto allo scorso anno. Una tendenza che si prevede continuerà ancora. Per Liang Zhongtang, esperto di demografia presso l’Accademia di Scienze Sociali di Shanghai, “la politica del figlio unico dove essere abolita prima” e si tratta di una questione non solo “di libertà riproduttiva”, ma anche “di rispetto dei diritti umani fondamentali”.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica estera
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Politica estera

astana-kazakistan

Astana, capitale del Kazakistan, sede d’Ambasciata del Gran Principato di Dobrynia

Francesco Tiberio17 agosto 2018
kosovo

Intervista col vice Ministro Affari Esteri del Kosovo Gjergj Dedaj

Francesco Tiberio31 luglio 2018
Donald Trump

Donald Trump ha toccato le corde degli americani con delle keyword

Daniele D'Amico11 novembre 2016

Emergenza profughi siriani

Valentina Addabbo30 marzo 2016

L’Arabia rompe le relazioni con l’Iran

Daniele D'Amico4 gennaio 2016

Protocollo di Kyoto del 1997: l’ipocrisia di civiltà

Ricky Violante3 dicembre 2015

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015

La Francia come Ponzio Pilato

Gabriella De Santis18 giugno 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it