Cronaca estera

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili

Besoz si difende: “Se fosse così sarei il primo a dimettermi”

Questo articolo è stato visualizzato 836 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili
Francesco Tiberio

Ad Amazon si lavora in stile Grande Fratello orwelliano? Sì, almeno secondo l’articolo del New York Times, in cui si riportano le dichiarazioni di centinaia di dipendenti del colosso di vendite online. Le accuse sono pesanti, infatti i dipendenti non avrebbero un orario di lavoro stabile e svolgerebbero le loro mansioni anche nei festivi. Inoltre, sempre in questo reportage, chiunque non riesca a reggere 80 ore di lavoro settimanali rischierebbe il licenziamento; e poi tutti i lavoratori sarebbero monitorati costantemente, anche in bagno.

A questo scottante articolo ha voluto replicare il Ceo Jeff Bezos in persona con una lettera aperta ai suoi dipendenti: “L’articolo non rappresenta l’Amazon che conosco io, chiunque lavori in una società come quella descritta dal Nyt sarebbe pazzo a rimanere. Io stesso la lascerei.” ed aggiunge “Se venite a conoscenza di storie come quelle riportate dal New York Times segnalatele ai responsabili del personale o scrivete direttamente a me“. Non ha tardato ad arrivare una controreplica da parte di Beth Adams, moglie di un ex dipendente Amazon, che ha risposto a Bezos, spiegando come, dopo sei anni di lavoro, suo marito sia finito in terapia.

Quando mio marito ottenne un posto nella tua azienda lasciammo gli amici, la famiglia e il mio lavoro perché pensavamo che questa fosse una grande opportunità. Mio marito era responsabile della gestione del trasporto di software nei magazzini. Con magazzini in giro per il mondo veniva chiamato per risolvere problemi nel cuore della notte e di giorno. Nei pochi momenti in cui era a casa non poteva staccarsi dal computer. Un giorno gli dissero che non stava facendo abbastanza, e dopo quel meeting lo stress fu tale che lui andò in terapia“. A chi credere? Amazon e le società simili “maltrattano” pochi individui, che hanno scelto le condizioni in cui lavorare in virtù del fatto che non disponevano di valide alternative. Un commentatore del web, giustamente, ha scritto “It isn’t just Amazon… it’s corporate America!”.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca estera

Chobani

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti

Pierfrancesco Caira27 aprile 2016

Caso Regeni, quando i soldi sono più importanti della vita di un connazionale

Vincenzo Demichele5 aprile 2016
Hilde Kate Lysiak

USA: reporter di 9 anni batte sul tempo i media

Pierfrancesco Caira5 aprile 2016

Attentati di Bruxelles, il terrorismo molecolare che devasta l’Europa

Vincenzo Demichele25 marzo 2016
Raqia Hassan

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan

Daniele D'Amico9 gennaio 2016

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Albini in Africa: tra superstizione e violenza all’indomani delle elezioni politiche

Federica Bartoli22 settembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015

Cos’è il Falun Gong? A Polignano una dimostrazione

teresamanuzzi20 luglio 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it