Economia e Diritto

Assicurazione auto: addio tagliando cartaceo

Dal 18 ottobre i controlli della copertura assicurativa saranno effettuati elettronicamente

Questo articolo è stato visualizzato 1.591 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

Assicurazione auto: addio tagliando cartaceo
Antonella Tomaselli

Niente più tagliando cartaceo esposto sul parabrezza della propria autovettura per dimostrare di aver pagato l’assicurazione auto. Infatti dal prossimo 18 ottobre i controlli della copertura assicurativa verranno effettuati dalle Forze dell’Ordine nel corso dei posti di blocco oppure tramite dispositivi a distanza, come autovelox, tutor e telecamere collocate in prossimità della zone a traffico limitato. La novità consiste nella verifica della targa. In pratica, ogni volta che verrà stipulata una nuova polizza o verrà effettuato un rinnovo, la compagnia di assicurazione dovrà inviare le informazioni delle coperture assicurative alla banca dati denominata Sita, creata dall’Ania, l’Associazione nazionale tra imprese assicuratrici.
Dal sistema Sita, le informazioni confluiranno nel database della Motorizzazione civile che contiene i dati sui veicoli immatricolati. Quindi, grazie all’incrocio delle informazioni contenute nelle due banche dati, le Forze dell’Ordine sapranno immediatamente chi è regolarmente assicurato e chi è invece sprovvisto di assicurazione.

In tal modo si cerca di contrastare l’evasione assicurativa, considerando che in Italia la compravendita di tagliandi falsi è abbastanza diffusa. Secondo le stime dell’Ania infatti nel 2014 i veicoli italiani a circolare senza assicurazione sono stati circa 3,9 milioni di veicoli (l’8,7% del totale).
Con i controlli elettronici sarà invece quasi impossibile circolare sprovvisti di copertura. Chi dovesse continuare a viaggiare senza polizza pagherà una multa che può costargli da 841 a 3.366 euro.
Bisogna specificare che nella prima fase di attuazione della nuova disciplina, in via del tutto sperimentale, le compagnie assicurative continueranno a consegnare il tradizionale tagliando di carta che, tuttavia, avrà soltanto finalità informative e quindi non dovrà essere esposto sul parabrezza. Terminata tale fase, il tagliando non verrà più consegnato.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Economia e Diritto

Il mercato del lavoro in Italia

Gli italiani e il lavoro: sono troppe le anomalie?

Daniele D'Amico30 ottobre 2017
Non solo crescita per il Sud Italia

Rapporto Svimez 2017: luci e ombre sul Sud Italia

Daniele D'Amico28 luglio 2017
Resto al Sud: il lavoro è nel meridione

“Resto al Sud”: la misura del Governo per la crescita del Mezzogiorno

Daniele D'Amico1 luglio 2017
egione Puglia nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Regione Puglia: nuove linee guida in materia di formazione e lavoro

Daniele D'Amico23 giugno 2017
La nuova rivoluzione industriale è già partita, e si fonda sull’analisi dei dati e sull’intelligenza artificiale

Quarta rivoluzione industriale: analisi dei dati e intelligenza artificiale

Daniele D'Amico22 marzo 2017
Il presente è l'industria 4.0

Piano nazionale industria 4.0: opportunità per le imprese italiane

Daniele D'Amico21 febbraio 2017
Settore automotive in crescita

Settore automotive in forte ripresa, a gennaio +10,1%

Daniele D'Amico16 febbraio 2017
Le banche utilizzano i social network per rafforzare la propria immagine

Banche, oltre la crisi i social network per rilanciarsi

Daniele D'Amico12 gennaio 2017

Settimana della Moda: “It’s time to south”, esalterà l’eccellenza pugliese

Daniele D'Amico19 settembre 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it