Arte, cultura e spettacolo

Dove finiscono i soldi del canone Rai?

Stipendi stellari e canone Rai in bolletta

Questo articolo è stato visualizzato 784 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Dove finiscono i soldi del canone Rai?
Francesco Tiberio

Stipendi stellari e canone sulla bolletta della luce. È l’inizio di qualche film? No, è la nuova misura inserita nella Legge di Stabilità di Matteo Renzi, che alla trasmissione “In mezz’ora” afferma: “Il canone si pagherà in bolletta e sarà ridotto: da 113 a 100 euro. È finito il tempo dei furbi!” Però questa misura, non ancora partita, incontra già un ostacolo: le aziende elettriche. Queste ultime sono contrarie perché il travaso delle competenze Rai nelle fatture comporta numerose difficoltà giuridiche e tecniche, a partire dall’adeguamento dei propri sistemi di fatturazione.

La novità, però, garantisce ai contribuenti la riduzione del prelievo e alla Rai un incasso più cospicuo, in virtù di una minore evasione (nel 2014 la Rai ha incassato circa 1,59 miliardi di euro, se consideriamo che questo incasso è dato solo dal 75% dei potenziali contribuenti). Ma, alla fine, chi beneficerà di questi soldi? Cominciamo dal conduttore di “Che tempo che fa” Fabio Fazio, che prende da 5 ai 6 milioni in 2/3 anni; per Luciana Littizzetto invece parliamo di cifre intorno ai 20 mila euro a puntata. E ancora Massimo Giletti, conduttore de “L’Arena”, riceve 400-500 mila euro (quasi il doppio del guadagno di un deputato).

A rivelare queste cifre è stato il presidente dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta che, durante la seduta a Montecitorio sul disegno di legge sulla Rai, ha criticato in particolar modo l’emendamento dei relatori sulla trasparenza dei compensi. Naturalmente i casi sopracitati non sono i soli, ad esempio l’attuale dg Antonio Campo Dall’Orto, secondo le voci, percepisce uno stipendio tre volte superiore al tetto stabilito di 240mila euro. Ci si chiede: è da ritenersi giusto pagare un canone per un’azienda pubblica, così pienamente e pesantemente sovvenzionata, che ricorre alle pubblicità come una qualsiasi altra tv commerciale?

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Arte, cultura e spettacolo

noreka

ARS, tra cultura e divertimento

Francesco Tiberio4 dicembre 2018
stan-lee2

Muore Stan Lee, padre dei supereroi

Francesco Tiberio15 novembre 2018
Michele Pinto Wendie Webfest

Cinema e vino: eccellenze pugliesi al Wendie Webfest 2018 di Amburgo

Tiziana Di Gravina14 settembre 2018
Enzo Avitabile al Talos Festival

La musica dei popoli di Enzo Avitabile *Intervista*

Tiziana Di Gravina8 settembre 2018

Libri giganti sul porto di Trani con Fondazione Megamark

Tiziana Di Gravina23 agosto 2018
bgeek2018

Bgeek 2018: Il festival barese punta sempre più in alto

Francesco Tiberio13 giugno 2018
"In vino veritas"

“In vino veritas” riscopre il rapporto fra Dio, uomo e natura

Tiziana Di Gravina12 giugno 2018
Leonardo Alberto Moschetta al Bifest 2018

Leonardo Alberto Moschetta, da Andria alla “Napoli velata”

Tiziana Di Gravina1 maggio 2018
Bernardo Bertolucci

Bifest2018: la storia del cinema di Bernardo Bertolucci

Tiziana Di Gravina30 aprile 2018

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it