Costume & Società

Nel Centenario di Alberto Burri

Nel museo omonimo è conservata ancora la sua produzione

Questo articolo è stato visualizzato 512 volte. Leggi altri articoli di: Francesco Tiberio.

Nel Centenario di Alberto Burri
Francesco Tiberio

Turbolenta ma interessante fu la vita di Alberto Burri che, rispetto agli altri grandi artisti del Novecento, prima di morire donò a Città di Castello, luogo della sua nascita, un museo ed un’imponente collezione. Nel museo viene conservata gran parte della sua produzione, divisa tra le sale quattrocentesche di Palazzo Albizzini e gli ex essiccatoi del tabacco.

Privato dall’esperienza della guerra, vissuta in prima linea come medico, quando ritorna nella sua città, sente il bisogno di esprimere creativamente gli orrori e i turbamenti vissuti. Ne sono un grandioso esempio le sue tele ricoperte da sacchi di iuta, strappati e lacerati, come se fossero ferite. Con SZ1, il primo sacco stampato dal Burri nel 1949, il genio artistico, ma sostituì il colore ai soliti materiali pittorici quale nuova qualità della realtà. La materia nelle sue opere è dunque sofferente, bruciata, contorta e tagliata. Famose in tutto il mondo sono le sue composizioni di legno, plastica e ferro combuste, in cui la fiamma ossidrica è usata come pennello. Una strepitosa collezione di circa 130 opere suddivise in venti sale e secondo cicli e un preciso ordine cronologico: dai “Catrami” ai “Sacchi” degli anni cinquanta ai “Cellotex” e “Multitex“. Una grande presentazione da cui traspare la contraddizione intellettuale tra armonia e furore, che fa emergere la grandezza di questo eclettico artista.

In occasione del Centenario della nascita del Maestro, avranno luogo una serie di iniziative per celebrare l’evento a partire dal 1 ottobre in varie città italiane ed estere, con mostre, convegni, giornate di studio sull’opera del grande pittore tifernate, che il 9 ottobre verrà ricordato anche in un’ampia mostra antologica retrospettiva, curata da Emily Braun, con oltre cento opere presso il Solomon Guggenheim Museum di New York.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Costume & Società

Export(Are) bellezza: il modello Puglia nel mondo

Daniele D'Amico27 aprile 2017
Puglia, una meraviglia da scoprire

Puglia, lo spettacolo è ovunque: comunicazione e innovazione

Daniele D'Amico21 aprile 2017
Sanremo: Caterina Balivo contro Diletta Leotta

Sanremo, caso Leotta – Balivo: l’abbigliamento non giustifica violenze e insulti

Daniele D'Amico8 febbraio 2017
padre pio

Padre Pio e le celebrità

Francesco Tiberio23 settembre 2016

Puglia: turismo in forte crescita, anche grazie ai social

Daniele D'Amico14 settembre 2016
Mongolia

La Mongolia di Gengis Khan

Francesco Tiberio2 agosto 2016
Irina Shayk

Irina Shayk baciata dal sole della Puglia

Maria Teresa Trivisano1 agosto 2016
Nessuno Tocchi Abele

Nessuno Tocchi Abele

Antonio Catacchio18 giugno 2016
brindisi

Il brindisi nei Secoli

Francesco Tiberio20 maggio 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it