Informatica & web

Social network e web news: italiani sempre più digitali

Sempre più utenti usano i social network e si informano sul web, in crisi tv locali e carta stampata

Questo articolo è stato visualizzato 521 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

Social network e web news: italiani sempre più digitali
Daniele D'Amico

Lo afferma il Censis nel suo rapporto sullo Stato sociale del Paese: tv e radio registrano la maggiore utenza, continua l’ascesa dell’online che diventa fonte primaria di informazione. Indiscusso il primato di Facebook tra gli under 30 mentre sono ancora basse le percentuali degli utenti over 65 ai quali serve la formazione

Rapporto Censis Stato Sociale

Il popolo italian è sempre più tecnologico: tutti guardano la televisione, non disdegnano la radio e…novità,sempre più utenti usano i social Censis network e si informano sul web. Questa la forografia scattata dal Censis nel suo rapporto sullo Stato sociale del Paese sulle abitudini di utilizzo dei mezzi di comunicazione di massa in Italia. Nel dettaglio, i telespettatori rappresentano quasi la totalità della popolazione (96,7%), seguiti dall’83,9% di utenti radiofonici con l’ascolto per mezzo dei telefoni cellulari (+2%) e via internet (+2%) ancora in ascesa. Se i più “obsoleti” mass media hanno il maggiore seguito la loro fruizione è tuttavia influenzata e modificata dai nuovi device: +1,6% di utenza rispetto al 2013 per la web tv, +4,8% per la mobile tv, mentre le tv satellitari si attestano a una utenza complessiva del 42,4% e il 10% degli italiani usa la smart tv che si può connettere al web.

 

Evoluzione digitale e aumento internauti

L’evoluzione maggiore è quella determinata dal digitale che vede un crescente e continuo aumento di internauti (+7,4%), raggiungendo unaCensis penetrazione del 70,9% della popolazione italiana. Grande incremento anche delle connessioni mobili: gli smartphone sono usati da oltre la metà degli italiani registrando una crescita del +12,9%  mentre i tablet praticamente raddoppiano la loro diffusione. Imponente, poi, la popolarità dei social network: in testa c’è Facebook, frequentato dal 50,3% dell’intera popolazione e addirittura dal 77,4% dei giovani under 30, mentre Youtube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani) e il 10,1% degli italiani usa Twitter. Il rapporto del Centro Studi Investimenti Sociali fornisce un’approfondita panoramica sul cambiamento degli stili di consumo con novità come la sharing economy, l’home banking o il crowdfunding. Secondo il presidente del Censis Giuseppe De Rita, tuttavia, l’Italia sarebbe in un “letargo esistenziale collettivo”, una sorta di “limbo” che necessita di una spinta innovativa per potenziare sviluppo e vitalità di tutto il tessuto sociale.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informatica & web
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Informatica & web

fbcambridgeanalytica

Cos’è successo tra Facebook e Cambridge Analitica?

Francesco Tiberio23 marzo 2018
AndroidP

Android 9 Pistacchio: il nuovo sistema operativo di Google

Francesco Tiberio17 febbraio 2018
net-neutrality-protest

Cos’è la Net neutrality e cosa significa per l’Italia?

Francesco Tiberio18 dicembre 2017
iphone8

iPhone 8: il più costoso di tutti i tempi?

Francesco Tiberio5 settembre 2017
group

Facebook Groups va in pensione

Francesco Tiberio7 agosto 2017
Wannacry_Hacker

L’epidemia WannaCry è terminata veramente?

Francesco Tiberio17 maggio 2017
cervello

Facebook ci leggerà nel pensiero?

Francesco Tiberio22 aprile 2017
whatsapp

Whatsapp infestata dalla pubblicità?

Francesco Tiberio15 marzo 2017
fb-snap

Facebook rincorre Snapchat e nasce “Camera”

Francesco Tiberio17 febbraio 2017

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it