Cronaca regionale

L’UniBa ricorda Valeria Solesin intitolando un’aula a suo nome

L’aula 1 del centro Polifunzionale Studenti del Palazzo ex-Poste dell’Università di Bari sarà dedicata a Valeria Solesin, la giovane ricercatrice vittima dell’ultimo attentato di Parigi

Questo articolo è stato visualizzato 2.106 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

L’UniBa ricorda Valeria Solesin intitolando un’aula a suo nome
Antonella Tomaselli

Il Senato Accademico dell’Università di Bari “Aldo Moro” ha deciso di intitolare l’aula 1 del centro Polifunzionale Studenti del Palazzo ex-Poste alla giovane ricercatrice italiana Valeria Solesin, tragicamente scomparsa nel corso dell’attentato terroristico del 13 novembre scorso che ha coinvolto anche il Bataclan di Parigi.

In base a quanto si apprende da un comunicato ufficiale pubblicato sul sito istituzionale dell’UniBa, la decisione è stata deliberata per: “onorare la memoria della ricercatrice che ha partecipato a diverse attività presso l’Ateneo barese”.
Valeria Solesin aveva cominciato il suo percorso accademico a Trento, conseguendo la laurea in “Società, politica e istituzioni europee”, per poi specializzarsi a Nantes in “Sociologia”. A Parigi era arrivata circa quattro anni fa per intraprendere l’EHESS (Scuola di studi superiori in scienze sociali). I primi lavori di ricerca li ha svolti nel corso del Master in “Sociologia e statistica”; da qui l’interesse per progetti in merito alle differenze nei fattori di fecondità tra Francia e Italia.

Durante la sua attività di ricerca aveva collaborato anche con l’Università di Bari, prendendo parte a iniziative di ricerca e convegni sui temi sociologici oggetto dei suoi studi.
“Alle mani che impugnano le armi NOI opponiamo le nostre mani che impugnano gli strumenti della cultura e della civiltà”. Il Rettore Antonio Uricchio ha manifestato i sentimenti di cordoglio e solidarietà da parte di tutta la Comunità Accademica di Bari per le vittime di Parigi e lo ha fatto in occasione dell’incontro con il Console generale di Francia a Napoli, Jean Paul Seytre, tenutosi il 24 novembre scorso. Tale incontro era stato programmato prima dei tragici fatti parigini, per rafforzare i già proficui rapporti di cooperazione fra le Università francesi e l’Ateneo barese.
Intitolare un’aula alla giovane studentessa e ricercatrice tragicamente scomparsa è il segno con cui l’Università di Bari vuole contrastare il terrorismo attraverso il ricordo e la cultura.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca regionale

Marilù Mastrogiovanni

Sequestro preventivo per il magazine “Il tacco d’Italia”

Tiziana Di Gravina12 dicembre 2017
caduceo

Caduceo d’Oro 2017: il Welfare negli anni della crisi

Mariangela Lomastro16 novembre 2017
Valentino Lo Sito al consiglio nazionale dei giornalisti

Ordine dei Giornalisti: Losito eletto consigliere nazionale

Daniele D'Amico25 settembre 2017
world press photo

World Press Photo: “la più importante mostra di fotogiornalismo del mondo”, a Bari, ma i giornalisti non sono graditi ospiti.

Redazione19 novembre 2016
caduceo

Caduceo d’Oro 2016: l’innovazione sostenibile

Mariangela Lomastro8 novembre 2016
Confconsumatori

ConfConsumatori parte offesa nel precedimento sul disastro ferroviario

Antonio Catacchio27 settembre 2016
Tragedia

Tragedia ferroviaria sulla tratta Corato/Barletta

Francesco Tiberio13 luglio 2016
vincenzo matarrese

Addio a Vincenzo Matarrese: domani 15 giugno i funerali nella Cattedrale di San Sabino

Antonio Catacchio14 giugno 2016

Decaro di parola: in arrivo le telecamere sui bus

Mariangela Lomastro31 marzo 2016

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it