Viaggi & Turismo

Focara di Novoli, lo spettacolo del fuoco prende vita

Il più grande falò del Mediterraneo brucia ogni anno a Novoli per la festa di Sant’Antonio Abate

Questo articolo è stato visualizzato 6.943 volte. Leggi altri articoli di: Antonella Tomaselli.

Focara di Novoli, lo spettacolo del fuoco prende vita
Antonella Tomaselli

Folklore e tradizione si intrecciano ogni anno a Novoli durante i giorni della Focara, la “festa del fuoco” che si svolge dal 16 al 18 gennaio, in onore del patrono Sant’Antonio Abate. Il semplice culto popolare in provincia di Lecce è tramutato nel tempo in uno degli eventi invernali di maggiore richiamo in Puglia.
Il termine focara è tipico dei dialetti meridionali, in particolare salentini, e indica un falò di legna da bruciare. Si tratta di un rituale presente in quasi tutti i comuni del Salento, dove la sera della vigilia della festa religiosa di Sant’Antonio Abate, cumuli di fascine vengono bruciati agli incroci delle strade delle città.

Tuttavia la focara di Novoli, con una base di 20 metri di diametro e un’altezza di 25, rimane il falò più grande del Mediterraneo.
Sul sito istituzionale del comune è possibile scoprire la “macchina” che si nasconde dietro questa tradizione che di anno in anno richiama a Novoli decine di migliaia di pellegrini e visitatori.
La preparazione della focara inizia quasi un mese prima, con il trasporto di 80.000 fascine di tralci di vite in Piazza Tito Schipa, luogo in cui prende vita il grande falò. Questi fasci sono composti dai rami tagliati e recuperati durante la fase di potatura delle vigne.

La costruzione vera e propria prende il via, invece, circa dieci giorni prima e richiede l’ingegno e l’abilità di ben 100 persone. Inoltre per accatastare i tralci vengono utilizzate tecniche tramandate di generazione in generazione e addirittura, negli ultimi anni, la scenografia dell’enorme falò è stata personalizzata dall’intervento di un artista di fama mondiale.
L’accensione della focara avviene con una fiaccola e viene scandita da uno straordinario spettacolo pirotecnico. Attorno alla grande pira che arde per tutta la notte si raccolgono le famiglie che l’hanno costruita e i visitatori giunti a Novoli. La festa religiosa si trasforma nella festa della comunità e in un appuntamento unico da non perdere assolutamente.

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Viaggi & Turismo

Spiaggia mia quanto mi costi

Mariangela Lomastro3 luglio 2016

Italia Travel Awards, la Puglia è la regione più amata

Antonella Tomaselli27 maggio 2016

Castel del Monte, simbolismo e mistero che affascinano ancora

Antonella Tomaselli4 marzo 2016

Influencer, gli opinionisti dell’era digitale

Antonio Catacchio11 febbraio 2016

Trulli di Alberobello, tra storia e curiosità

Antonella Tomaselli26 novembre 2015

Vacanze a Settembre, la Puglia è in testa

Redazione25 settembre 2015

Trivellazioni, 5 regioni (Puglia compresa) dicono si al referendum contro le ricerche

Vincenzo Demichele24 settembre 2015

I ragazzi dell’autostop, da Noci in Norvegia

mariaragone23 settembre 2015

Solo andata, grazie: l’Italia spezza il cuore

mariaragone19 settembre 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it