Cronaca estera

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan

La giovane reporter aveva raccontato sul web i crimini commessi dai jihadisti in Siria

Questo articolo è stato visualizzato 776 volte. Leggi altri articoli di: Daniele D'Amico.

ISIS contro la libertà di stampa: uccisa la giornalista Raqia Hassan
Daniele D'Amico

Raqia Hassan attivista e giornalista siriana,  aveva raccontato le atrocità che i militanti dello Stato islamico compivano a Raqqa, in Siria. Per questo motivo la donna trentenne, accusata di spionaggio, è stata uccisa da alcuni miliziani jihadisti vicini al Califfato. La sua morte, avvenuta ormai qualche mese fa, è stata confermata il 6 gennaio 2016 da gruppi di attivisti nel Paese mediorientale. Erano settimane che le tracce della giovane donna si erano perse.

“Avanti tagliateci internet, i nostri piccioni viaggiatori non se ne lamenteranno”, aveva scritto lo scorso 21 luglio, ironizzando sulla guerra alRaqia Hassan wi-fi dichiarata dal Califfato nella sua città. E ancora, “Sono a Raqqa e ho ricevuto minacce di morte, ma quando l’Isis mi arresterà e ucciderà sarà tutto ok, perché mi taglieranno la testa e io manterrò la mia dignità”. Parole dure, che hanno fatto indispettire i leader di Daesh che l’avevano resa prigioniera e che non le hanno risparmiato la vita. La sua famiglia è stata informata della morte della giornalista solo tre giorni fa. Raqia Hassan aveva studiato all’università di Aleppo, ma quando i terroristi islamici si era impadroniti della sua città natale non aveva voluto abbandonare i suoi cari. Da allora, aveva continuato a scrivere, denunciando, soprattutto sui social network dove utilizzava lo pseudonimo di Nissan Ibrahim, le condizioni dei civili a Raqqa, torturati e violentati dai jihadisti, ma anche raccontando i continui bombardamenti della coalizione internazionale.

Giornalista: coraggio e verità

Moltissimi citizen journalists sono caduti a decine dal 2011 ad oggi. Nel 2015 il Syrian Network for Human Rights ne ha contati 94, e addita come responsabili soprattutto l’Isis e il regime di Assad (il primo annuncia pubblicamente i suoi crimini, il secondo li nasconde), ma anche altri gruppi ribelli. Il gruppo lamenta anche alcuni casi in cui i curdi hanno arrestato dei giornalisti. A nessuno piacciono le voci indipendenti.

Il mestiere del giornalista: pericoli e sfide

Raqia HassanOgni anno a febbraio Reporter sans frontières stila la classifica della libertà di stampa a livello mondiale. Il rapporto 2015 fotografava una realtà angosciante: minacce, aggressioni fisiche, incriminazioni a vario titolo avevano reso la vita particolarmente difficile ai giornalisti. Come sempre la situazione appariva particolarmente virtuosa nei Paesi del nord Europa mentre continuava a peggiorare in Russia e in Cina. L’Italia non è in una posizione di cui vantarsi: 73° posto in classifica, vicino al Nicaragua. Attendiamo dunque di vedere tra circa un mese se e come la situazione del nostro Paese è cambiata. In un mondo di comunicazione multimediale sarà sempre più difficile per gli utenti costruirsi una propria opinione critica sui fatti e sarà sempre più difficile per i giornalisti costruirsi un ruolo credibile in grado di stare al passo con i tempi. In un contesto globalizzato dove la qualità del giornalismo cala, la pluralità delle fonti rischia di disorientare il cittadino medio verso fonti errate e semplicistiche, talvolta complottistiche, anziché aumentare la sua consapevolezza. La sfida del giornalismo del futuro non sarà dunque solo la libertà di stampa ma anche e soprattutto la capacità di incidere sulle coscienze dei lettori,non solo quelli fidelizzati.si

Aggiungi un commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca estera
Daniele D'Amico
@1danyda

Nato a Taranto il 25/04/1980, da sempre appassionato di Digital Journalism, Social Network e Digital Marketing. SEO Editor e Social Media Strategist. In costante formazione.

Altro in Cronaca estera

Chobani

USA: imprenditore regala azioni milionarie ai dipendenti

Pierfrancesco Caira27 aprile 2016

Caso Regeni, quando i soldi sono più importanti della vita di un connazionale

Vincenzo Demichele5 aprile 2016
Hilde Kate Lysiak

USA: reporter di 9 anni batte sul tempo i media

Pierfrancesco Caira5 aprile 2016

Attentati di Bruxelles, il terrorismo molecolare che devasta l’Europa

Vincenzo Demichele25 marzo 2016

La Regione Puglia solidale con la Francia

Antonio Catacchio16 novembre 2015

Albini in Africa: tra superstizione e violenza all’indomani delle elezioni politiche

Federica Bartoli22 settembre 2015

Italiani di Crimea, riconosciuto lo status di deportati

Vincenzo Demichele18 settembre 2015
amazon

New York Times contro Amazon: condizioni lavorative insostenibili

Francesco Tiberio20 agosto 2015

Cos’è il Falun Gong? A Polignano una dimostrazione

teresamanuzzi20 luglio 2015

Il primo magazine online di informazione regionale, nazionale ed estera, libero ed indipendente.

Testata registrata n. 1093/2011, reg. 16, Tribunale di Bari.

Direttore responsabile: Antonio Cesare Catacchio

Invia articoli

© 2009-2016 Il corriere delle Puglie - Edito da Associazione InformAEticamente - http://www.informaeticamente.it